Facebook ed i tempi della ‘Cloaca Massima’. Tutti sotto dittatura, e tutti ne siamo complici

La Cloaca Massima dell’antica Roma – per chi non lo sapesse – è una delle più antiche condotte fognarie. Il nome, Cloaca Maxima in latino, significa letteralmente “la fogna più grande”.

Una vista sulla cloaca massima di Roma

Fu costruita alla fine del VI secolo a.C. al tempo degli ultimi re di Roma (cit. Wikipedia); in particolare il re che ne ufficializzò la costruzione fu Tarquinio Prisco.

Tarquinio Mark Zuckemberg Prisco, il nuovo re dei nostri tempi, è il responsabile principale della desolazione della nostra epoca, e del fiume di ‘odor di fogna’ che quotidianamente esce dalla sua creatura, Facebook, ovvero, la più grande dittatura del pianeta terra.

Proprio così: Facebook è una dittatura, dove il sovrano assoluto è in grado di:

  • decidere cosa devi e puoi scrivere e cosa no, a meno che non gli faccia comodo e gli produca reddito
  • bloccare il tuo profilo e la tua pagina senza dare spiegazioni e ripristinarla come e quando gli pare
  • imporre limitazioni a scadenza e scrivere addirittura: ‘Questa imposizione durerà fino a…’

Come se non bastasse, in questo universo social, oltre a riversarsi blasfemie, oscenità, bestemmie, bassezze di ogni genere, i più furbi degli utenti, possono anche creare campagne pubblicitarie utilizzando nomi e faccia di personaggi famosi e così arricchirsi a danno di malcapitati personaggi famosi.

Le truffe sui bitcoin alimentate e sponsorizzate da Facebook

Il dittatore, infatti, non ti permette di esprimere valori universali e cristiani, come il Catechismo della Chiesa Cattolica mi suggerisce, ma permette altresì di organizzare e pianificare truffe seriali ai danni di ignari utenti, che purtroppo, abbagliati dall’offertona…. si rovinano.

PER APPROFONDIRE PUOI LEGGERE ANCHE: Facebook blocca i Papaboys: la giornata per i bambini mai nati e la preghiera per l’aborto non sono gradite!

Ognuno di noi è complice inconsapevole di questa dittatura, alla quale stiamo regalando il nostro tempo, i nostri volti, quelli dei nostri figli, per un consumo tutto rivolto al marketing ed all’affiliazione.

Ti è mai capitato di cercare qualche prodotto in rete e poi vedertelo sparato in home page su Facebook?

Ognuno faccia come crede, e resti pure schiavo del dittatore. Io da oggi, ne sarò ogni giorno più schifato. Costi quel che costi

Daniele Venturi, direttore PAPABOYS 3.0

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome