Home Tags Facebook

Tag: facebook

cloaca massima facebook

Facebook ed i tempi della ‘Cloaca Massima’. Tutti sotto dittatura, e tutti ne siamo...

La Cloaca Massima dell'antica Roma - per chi non lo sapesse - è una delle più antiche condotte fognarie. Il nome, Cloaca...
vita.aborto facebook papaboys

Facebook blocca i Papaboys: la giornata per i bambini mai nati e la preghiera...

Facebook blocca i Papaboys: la giornata per i bambini mai nati e la preghiera per l'aborto non sono gradite
OMICIDIO LIVE SU FACEBOOK/ Steve Stephens, c’è bisogno di un video per “esistere”?

OMICIDIO LIVE SU FACEBOOK/ Steve Stephens, c’è bisogno di un video per “esistere”?

Nel momento in cui scrivo, Steve Stephens è un 37enne che a Cleveland sta uccidendo delle persone innocenti e posta l’assassinio su Facebook. Il...

Eutanasia, dj Fabo è in Svizzera per morire. Preghiamo per questo giovane

Marco Cappato su Facebook: 'Domani altra visita. Verifiche per eventuale conferma accesso ad assistenza morte' "Sono in Svizzera con Fabiano Antoniani che oggi ha avuto...
Il dono di mamma Veronica

Matilde compie due anni e mamma Veronica le fa questo dono: la guarda dal...

Ogni tanto ci fa bene rileggere alcune storie di donne eroiche, di mamme coraggio che alimentano il 'bene' in questa umanità. Eccone una da...

Da Facebook nuovi strumenti per prevenire i suicidi

Dal social network fondato da Mark Zuckerberg, nuove opportunità, supporto organizzativo e psicologico, per assistere le persone che pensano al suicidio o all’autolesionismo, aiutando...

Isis mette in vendita schiave sessuali su Facebook

A scoprirlo è stato il Washington Post, che ha scoperto come molti combattenti dello Stato islamico stiano tentando di arricchirsi vendendo sui social network...

Queste suore vivono una rigida clausura. E allora cosa fanno su Facebook?

Non vedrete queste suore sprecare il proprio tempo con i giochi di Facebook o guardando video carini di gatti. Le Ancelle del Preziosissimo Sangue vogliono essere...
Mettere online le foto dei figli, un errore che si paga

Mettere online le foto dei figli, un errore che si paga

Se sei donna, se sei madre, se sei su facebook, nei giorni passati sei stata nominata almeno quattro o cinque volte: mamma speciale, ti...
Perché ho messo la bandiera francese nella mia pic

Perché ho messo la bandiera francese nella mia pic

Perché ti sei fatto la pic con la bandiera francese in trasparenza? Sei un prete: dì Messa e stai al posto tuo. L’ho fatto...

WhatsApp raccoglie i dati delle telefonate, nuova allerta privacy

Scatta una nuova allerta privacy per gli utenti di whatsapp. Secondo uno studio delle Università di Brno e di New Haven, l'app raccoglie diversi...

Amanda e Susan, la bimba ustionata e l’infermiera ritrovata via Facebook

Amanda Scarpinati, originaria di Athens, da neonata dopo un incidente ha subito gravi ustioni. Diffondendo una foto sui social ha ritrovato l’infermiera che l’ha...

Foto del marito morto / Eva Holland, la forza che vince il male è...

La foto di Eva Holland con i dei due figli piccoli, accanto alla bara del marito Mike Settles morto per overdose a 26 anni,...
Facebook: Al via il pulsante Dona ora per il Volontariato

Facebook: Al via il pulsante Dona ora per il Volontariato

Per prima ci aveva pensato Google, che lo scorso aprile aveva lanciato in Italia Google per il non profit, un programma internazionale di donazione per...
Natalia Vodianova: Cacci mia sorella e io ti punisco con Facebook

Natalia Vodianova: Cacci mia sorella e io ti punisco con Facebook

Natalia Vodianova è una top model conosciuta in tutto il mondo ma, a quanto pare, non a casa propria Nizhni Novgorod, 420 chilometri a...

I santi riproposti su Facebook, con un selfie

Fede e fantasia. Entrambe non mancano ai tanti sacerdoti che operano nelle parrocchie del nostro Paese. Enemmeno manca la capacità di usare i nuovi...
Giubileo, ecco il sito web

Giubileo, ecco il sito web

Al via il sito web del Giubileo:www.iubilaeummisericordiae.va è l'indirizzo del portale Internet dedicato all'Anno Santo straordinario che avrà inizio il prossimo 8 dicembre, con la...
Ankara blocca i social network: via le foto cruente

Ankara blocca i social network: via le foto cruente

La Turchia sempre più autoritaria e sempre più islamica di Recep Tayyip Erdogan blocca l'accesso ai social network. La decisione delle autorità è stata presa...
“Un bambino di sette anni è in coma dopo un pugno ricevuto in testa da un suo coetaneo. È successo oggi nella città di Foggia, dopo che all’uscita dalla scuola un bambino ha insultato la mamma di un suo amichetto, ricevendo in risposta un pugno talmente forte da mandarlo in coma. Il bambino aggressore ha dichiarato: ‘Ha insultato la mia mamma e così come ha detto Papa Francesco, gli ho tirato un pugno’”. Notizia agghiacciante. Ma è falsa. Una delle tante “bufale” che girano sulla rete e che troppo spesso vengono prese sul serio e ricondivise con leggerezza. E, considerando che i social network stanno diventando una fonte d’informazione primaria, la circolazione di notizie false talvolta crea danni evidenti. Facebook è corso ai ripari lanciando una funzionalità che permette agli utenti di segnalare bufale e articoli deliberatamente falsi. Per ora la funzione è disponibile solo negli Stati Uniti, ma presto sarà allargata agli altri Paesi tra cui l’Italia. Cos’è e come nasce una bufala? Un metodo abbastanza efficace per riconoscere una bufala è riscontrare la presenza di frasi come “Le tv italiane non ne parlano!”, “Censurato dai media italiani!”, “Il governo non vuole che lo leggi!”, accompagnato dall’immancabile “Condividi e fai girare!” in titoli e post di accompagnamento sui social network. Preamboli che danno il via alla diffusione delle bufale facendo leva sull’emotività, sull’allarmismo, e soprattutto sulla falsa promessa di rendere il lettore partecipe di qualche “verità occulta”. Ma come nasce una bufala? Può nascere per scherzo e venire ripresa come vera da altri, o essere creata in malafede per diffondere disinformazione. Una volta creata, un po’ per pigrizia nel verificarne la veridicità, un po’ per le caratteristiche dei social network, la bufala si diffonde e, se presa sul serio, diventa disinformazione. Non tutte le bufale sono uguali: annunciare la morte del vip di turno è certamente di cattivo gusto ma, tutto sommato, è uno scherzo innocuo. Lo è molto meno, invece, quando qualcuno arriva a rifiutare cure mediche perché “su internet c’è scritto che la chemioterapia fa male”. Il “caso” di Greta e Vanessa: gli effetti di una bufala. Come detto, spesso le bufale gravitano intorno a notizie di attualità, argomenti sulla bocca di tutti che ne favoriscono la diffusione. È ancora attuale il tema che riguarda Greta Ramelli e Vanessa Marzullo, italiane rapite in Siria e liberate lo scorso 15 gennaio dopo mesi di trattative. La prima bufala nata in rete riguarda proprio le trattative secondo cui il governo italiano ha sborsato 12 milioni di euro per la liberazione delle due ragazze. Fin qui, però, si resta nel campo di verosimili supposizioni. Qualche giorno più tardi, in rete si diffonde una notizia che attribuisce a una delle due ragazze, Greta, una dichiarazione rilasciata ai pm di Roma. “Sono stati - si legge - cinque mesi difficili, ma senza subire violenze alcune. Non nascondo che con alcuni guerriglieri ci sono stati rapporti sessuali, ma assolutamente consenzienti, con noi erano gentili”. La notizia, palesemente falsa, non ci mette molto a uscire dalla rete ed entrare nel mondo reale. Iniziano a circolare messaggi del tipo: “Vanessa e Greta, sesso consenziente con i guerriglieri? E noi paghiamo!”. Da alcuni giorni, poi, circola in rete una fotografia che mostra una ragazza con un’arma in spalla accompagnata dalla frase “Vergogna ecco la foto che inchioda una delle italiane rapite. Abbiamo pagato il riscatto all’Isis per riprenderci una sua combattente!”. In questo caso basterebbe confrontare le immagini per vedere che la ragazza raffigurata non è Greta O Vanessa, ma la bufala si diffonde comunque. Risultato? Una fetta dell’opinione pubblica ora vede le due ragazze, partite per la Siria con un’associazione che organizza piccoli progetti di volontariato a favore dei civili siriani, come “amiche dei terroristi” e “peso sulle tasche degli italiani”. I provvedimenti di Facebook. Come detto in apertura, il social network di Mark Zuckerberg ha deciso di mettere un freno alla diffusione di queste non-notizie. Già prima, in realtà, le bufale e le truffe ricevevano un alto numero di segnalazioni da parte degli utenti, restando però confinate nello spazio dei commenti che non tutti leggono prima di condividere. Quando la nuova funzionalità sarà operativa, invece, gli utenti avranno la possibilità di segnalare la notizia come falsa, con lo stesso metodo che già permette di segnalare i contenuti offensivi o violenti. Un post che riceverà un certo numero di segnalazioni, avrà una visibilità nel News Feed (il flusso di notizie in prima pagina) fortemente ridotta e sarà accompagnato da un avviso ben visibile che dice: “Molti utenti hanno segnalato che questo articolo contiene informazioni false”.

Facebook & bufale Zuckerberg corre ai ripari

Negli Stati Uniti è già disponibile una funzione per limitare i danni. Quando la nuova funzionalità sarà operativa, anche gli utenti italiani avranno la...

Il calendario di Facebook e l’ecologia di Internet

Un algoritmo di Facebook ha regalato per fine anno ai suoi utenti un album fotografico del 2014 con le foto che hanno postato. A...
Pubblicità

I nostri social

9,774FansLike
16,102FollowersFollow
9,436FollowersFollow
1,480SubscribersSubscribe

News recenti

Madre Teresa

Il giorno più bello? Oggi. Madre Teresa con le sue parole...

La soddisfazione più grande? Il dovere compiuto Madre Teresa con queste sue parole ci aiuta nel cammino della vita e della fede. Il giorno più bello?...
Pubblicità