Home News Ethica et Oeconomia Nuovo attacco 'mediatico' al Cardinale Bertone. Che si difende.

Nuovo attacco ‘mediatico’ al Cardinale Bertone. Che si difende.

cardinal-bertoneROMA – Questa volta lo scoop contro Bertone, ex segretario di Stato, arriva dalla Germania (e subito i media di tutto il mondo, italiani in testa) si mettono a ‘fantasticare’ e riproporre viralmente la notizia. Ci sarà qualcosa di vero in tutto quello che viene scritto? Probabilmente poco, o addirittura niente. Secondo un articolo uscito sul ‘doitch’…. “Build – versione on line di oggi – l’ex segretario di Stato sarebbe indagato per malversazione dalla Autorita’ di informazione finanziaria (Aif) della Santa Sede.

Secondo il quotidiano tedesco Bild Zeitung  gli investigatori avrebbero scoperto delle pressioni effettuate dal cardinale sullo Ior per un finanziamento di 15 milioni di euro alla Lux Vide, societa’ fondata da Ettore Bernabei e leader nella produzione di fiction televisive.  Di tale indagine- va scritto chiaro –  non c’è traccia nel Rapporto presentato ieri dal direttore dell’Aif, Renè Brulhart.

Interpellato dall’agenzia Adnkronos, il cardinale Bertone ha smentito decisamente l’accusa di malversazione riportata dal tabloid tedesco poiché, ha detto, “la convenzione dello Ior con la società Lux Vide è stata discussa e approvata dalla commissione cardinalizia di vigilanza e dal consiglio di sovrintendenza nella riunione del 4 dicembre 2013, come dimostra il verbale relativo”.

Nella conferenza stampa in Vaticano – racconta Bild – (peraltro trasmessa in diretta anche da noi di PAPABOYS 3.0 ed ancora visibile nel canale Ethica et Economia)  lo svizzero René Bruelhart, posto da Papa Francesco a capo della Aif, presentando il suo rapporto annuale non ha voluto né confermare né smentire le voci in merito. “Non confermerò né smentirò indagini a carico di Bertone, e non dirò nulla su casi specifici o casi personali”, ha detto Bruelhart sempre secondo il resoconto della testata tedesca. La quale aggiunge che, secondo sue fonti, irregolarità “ci sono state, eccome”. E che la Chiesa avrebbe perso almeno venti milioni di euro a causa della vendita sotto costo di immobili di sua proprietà.

A causa delle pressioni di Bertone la Lux vide, sostiene Bild, avrebbe ricevuto sostegno finanziario con operazioni su obbligazioni convertibili, nonostante che l’istituto bancario della Santa sede fosse contrario. Alla fine dell’anno scorso, la banca vaticana avrebbe ceduto a una fondazione la sua partecipazione (pari al 16 per cento del valore dell’azienda) a Lux vide. Bild non manca di ricordare il caso del lussuoso attico di Bertone, ponendolo implicitamente in relazione indiretta con la presunta inchiesta sul suo conto.

Speriamo che dalla Santa Sede arrivi velocemente una smentita. Non è bello che fango ancora sia gettato su un uomo di Chiesa e di Stato (Vaticano). di Francesco Rossi

 

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità

I nostri social

305,098FansLike
19,090FollowersFollow
9,770FollowersFollow
1,990SubscribersSubscribe

News recenti

angelus.ore_.12.

Angelus con Papa Francesco, domenica 27 settembre 2020. LIVE TV dalle...

Appuntamento settimanale con l’Angelus da piazza San Pietro. Sono tornati in piazza San Pietro numerosi pellegrini per assistere alla preghiera mariana con il Pontefice. Angelus...