Il gender in classe? Operazione ideologica. Il Vicariato di Roma alza la voce

1610x6uROMA – Su Roma Sette (settimanale della Diocesi di Roma) un duro e chiaro attacco all’operazione ideologica in corso nelle scuole, a firma del direttore Angelo Zema. Ambiguità nei progetti anti-discriminazione di Comune e Regione. Cantelmi: «Educare al maschile e al femminile. Non negare differenze». Manna: «Orientare al rispetto del diverso ma senza confusione»

Opuscoli nazionali e progetti formativi con gli enti locali: sono alcune tra le iniziative della campagna sull’educazione alla diversità nelle scuole targate con la «teoria gender- scrive Zema». Obiettivo annunciato? «Un insegnamento più accogliente delle differenze», recitano i libretti preparati dall’Istituto Beck per conto dell’Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali (Unar) istituito presso la Presidenza del Consiglio. «Valorizzare le differenze», si legge nel progetto del Campidoglio «Le cose cambiano\@Roma » per contrastare il bullismo omofobico. Ma sarà vero? «La vera discriminazione è negare le differenze, ed è questo che viene fatto».

Tonino Cantelmi, psicoterapeuta e docente alla Gregoriana, ne è convinto fermamente. Tanto da pubblicare, insieme al collega Marco Scicchitano, un libro che sembra quasi una provocazione, «Educare al maschile e al femminile» (che sarà presentato venerdì 28 alle 20.30 presso la Chiesa Nuova), rivolto a genitori, educatori, insegnanti. Ma che il coautore si limita a definire «una ricerca scientifica e culturale di buon senso». Un esempio? «C’è un modo di giocare diverso in bambini e bambine. Un maschietto attiva alcune aree cerebrali quando punta un oggetto, la femminuccia ne attiva altre. Il sistema cervello-mente maschile/femminile è diverso. Costringere un bambino a negare certe abilità è discriminarlo». Come pretenderebbero di fare le linee guida suggerite nei libretti dell’Istituto Beck agli insegnanti. «Orientamenti scientificamente infondati e a tratti ridicoli – tuona Cantelmi – che non rispecchiano la vita reale dei bambini.

Quello dell’Unar è un colpo di mano ideologico». Concorda Elisa Manna, sociologa, responsabile delle politiche culturali del Censis: «Non dobbiamo dimenticare che gli esseri umani nascono dall’incontro tra un maschio e una femmina, e che la società sopravvive grazie a quest’incontro». Roba del passato, a quanto pare, per certe correnti di pensiero. «Operazioni come questa dell’Unar richiedono riflessione e condivisione», dice Cantelmi, che invoca il coinvolgimento delle associazioni dei genitori, a cominciare dal Forum famiglie. E bolla come «ideologico» anche il progetto gratuito del Comune di Roma contro il bullismo omofobico, che si avvale dell’intervento di rappresentanti del mondo Lgbt (lesbiche, gay, bisessuali e transessuali).

Un terreno su cui «sale in cattedra» pure il Circolo omosessuale Mario Mieli, attraverso un progetto nelle scuole in collaborazione con la Asl Roma E e con il contributo della Regione Lazio. «Il sindaco Marino – incalza lo psicoterapeuta – è accecato dall’ideologia. Il bullismo omofobico è una piccola parte del bullismo. I progetti educativi del Comune sono terribili perché, con la motivazione di combattere il bullismo, propongono una visione confusa dell’uomo». «Il bullismo – aggiunge Manna – è una forma di narcisismo infantile. È la prevaricazione del diverso, del debole, ed è al rispetto del diverso, in generale, che occorre educare. Ovviamente gli omossessuali devono essere rispettati, deve essere riconosciuta la loro dignità e i loro diritti in quanto persone, ma questo non significa promuovere proposte educative legate alla “teoria del gender”, che creano confusione per un’identità fragile come quella di un ragazzo». E la confusione si fa anche con le parole.

«Quando anni fa si parlava di un’attenzione alla cultura di genere – afferma Manna – si voleva sottolineare l’attenzione alle problematiche della condizione femminile e c’era un movimento nella società e nelle istituzioni per affermare i diritti delle donne. Ora quest’attenzione è stata “sorpassata in curva” da quella per il mondo Lgbt, una minoranza di persone. Esigenze spinte da opinionisti e dai media». L’esempio più recente arriva proprio da questo settore, che Manna conosce bene in qualità di vicepresidente del Comitato Media e Minori. «Da tempo si discute di un Codice di autoregolamentazione per la corretta rappresentazione dei generi nel sistema dei media. Obiettivo: la tutela dell’immagine femminile. Purtroppo, nell’iter di questo Codice, l’interpretazione della parola “genere” è cambiata fino a perdere l’originaria connotazione».

L’ambiguità la fa da padrona, insomma. «Serve invece un approccio educativo chiaro – sottolinea Cantelmi -. La scuola faccia il suo mestiere, insegnando alla tolleranza e all’amicizia. E occorre dare voce alle famiglie». «Bisogna educare ai sentimenti – esorta Manna -. Gli adolescenti sono assolutamente soli e la cronaca ce lo conferma ogni giorno. Naturalmente bisogna rifuggire dagli stereotipi ma è innegabile che esista uno specifico maschile e uno femminile e che l’educazione ne debba tenere conto». In fondo, lo diceva, e lo cantava, anche un artista come Gaber che bigotto certo non era: «Un grande amore che ora sto cercando non è il richiamo dell’ennesima poesia ma un credo più profondo perché senza due corpi e due pensieri differenti finisce il mondo».

 

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni, con il cuore, senza interessi economici o politici, semplicemente perché il cuore ci chiama a farlo. E ci mettiamo passione, costanza, ed anche quel pizzico di professionalità che deve contraddistinguere i cristiani. Ecco perché siamo “missionari di parabole antiche e sempre nuove: chiamati ad esserci, ed a stare anche vicini ad ognuno di voi”.

Un numero sempre maggiore di persone legge Papaboys.org senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente. Soprattutto quando si parla di cristianesimo.

Purtroppo il tipo di informazione che cerchiamo di offrire richiede molto tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire tutti i giorni i costi quotidiani di Papaboys.org ed abbiamo deciso di chiedere proprio a te che leggi di essere per noi, proprio Provvidenza.

Puoi aiutarci a continuare questa missione sempre meglio e con maggiore spessore ed incisività? L’unica cosa che non possiamo garantirti è aumentare il cuore che ci mettiamo per fare questo lavoro, perché fino ad oggi ce lo abbiamo messo davvero tutto! Ma con un po’ di sostegno in più, possiamo essere davvero più incisivi, per te, e per tutti coloro che ci seguono (quasi 2.000.000 di lettori ogni mese!)

Inviaci il tuo contributo, quello che vuoi, e che puoi. E che Dio ti benedica!

Grazie
Daniele Venturi
Direttore Papaboys.org

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €15.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome