Addio Miriam. Ragazza tedesca violentata e uccisa in Thailandia. Non è giusto!

Addio Miriam. Ragazza tedesca di 26 anni è stata violentata e uccisa in Thailandia mentre era in vacanza. Non è giusto!

Miriam Beelte

Si chiamava Miriam Beelte e aveva soli 26 anni! Si è rifiutata di fare sesso con lui, così è stata violentata e uccisa.

Uccisa mentre era sola in vacanza a Koh Sichang, isola al largo della costa orientale della Thailandia. Il suo corpo privo di vita è stato trovato dietro alcune rocce coperto dalla vegetazione, da alcuni passanti che stavano passeggiando vicino alla spiaggia.

Scattata l’allerta per la polizia che ha avviato le indagini per capire cosa fosse accaduto. A finire in manette è stato Ronnakorn Romruen, 24enne del posto, che ha confessato di aver prima violentato e poi ucciso la turista. Secondo quanto riporta il Sun, la donna stava facendo una gita quando ha incontrato il suo stupratore, l’uomo ha subito insistito per avere un rapporto sessuale ma lei ha rifiutato mandandolo su tutte le furie.

Il 24enne ha raccontato di aver abusato di lei che continuava a gridare nella speranza di essere ascoltata da qualcuno, dopo la violenza le ha spaccato la testa contro un sasso appuntito fino ad ucciderla e ha nascosto il corpo.

PREGHIAMO PER QUESTA RAGAZZA INNOCENTE!

Ora si attendono i risultati dell’autopsia per avere conferma della versione dell’assassino. L’uomo sarà probabilmente accusato di omicidio premeditato vista la natura del delitto. La polizia locale sta facendo il possibile per risolvere al meglio il caso e ha avvertito l’ambasciata tedesca perché dia comunicazione della notizia ai parenti della vittima.

Fonte leggo.it

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome