Home News Terra Sancta et Oriens Finita la tregua. Lancio di razzi di Hamas verso Israele. Diplomazie al...

Finita la tregua. Lancio di razzi di Hamas verso Israele. Diplomazie al lavoro

gazaConclusa la tregua nella Striscia di Gaza. Già si segnala il lancio di alcuni razzi verso il territorio israeliano, mentre lo Stato ebraico annuncia una dura repressione se riprenderanno gli attacchi di Hamas, che, dalla sua, proclama: “La guerra non è finita. Non ci sarà alcun prolungamento della tregua”. Il servizio di Graziano Motta della Radio Vaticana:

Al Cairo non si sono esauriti gli sforzi diplomatici volti al prolungamento del cessate il fuoco di 72 ore e violato questa mattina, tre ore prima dalla scadenza, dal lancio di due missili palestinesi da Gaza sul vicino territorio israeliano che non hanno comunque causato né vittime né danni. Fin da ieri sera Hamas aveva ribadito, nel corso di una grande manifestazione, di voler proseguire le ostilità. “La guerra non è finita. Chiediamo all’Egitto, alle nazioni arabe e alla comunità internazionale di sostenerci”: dichiarazione arrivata perché Israele non aveva accolto le richieste di Hamas di porre fine immediatamente al blocco della Striscia con l’apertura dei valichi di frontiera e la riattivazione del porto e dell’aeroporto. E d’altra parte Israele aveva dovuto constatare il secco rifiuto della sua preliminare esigenza, il disarmo di Hamas e degli altri gruppi palestinesi: “impossibile”, aveva replicato il negoziatore Moussa Abu Marzuk, in quanto “le forze della resistenza sono la sola garanzia per qualsiasi accordo”.

Il muro contro muro ha vanificato, quindi, il tentativo israeliano di una prosecuzione del cessate il fuoco anche prolungata purché senza condizioni. Proprio su questo punto si stanno concentrando i negoziati del Cairo che si svolgono in maniera indiretta, mediati dall’Egitto e dagli Stati Uniti, e non attorno a un tavolo perché Hamas è considerata, e non solo da Israele, un’organizzazione terroristica. E’ questo un nodo politico sul quale si sta giocando la ripresa del conflitto o il negoziato di pace. Washington e il Cairo puntano alla restaurazione del potere a Gaza di Al Fatah e del suo leader, nonché presidente dell’Autorità nazionale Palestinese, Abu Mazen. Ma Hamas ha già rivendicato la “vittoria” a nome della popolazione della Striscia di cui ha il controllo, una vittoria “comprovata dal ritiro delle truppe di invasione” israeliane. “Ora non si può attendere che Hamas scompaia o che collabori alla sua stessa fine”, hanno scritto in un saggio a quattro mani su Foreign Policy l’ex presidente degli Stati Uniti Jimmy Carter e l’ ex presidente irlandese Mary Robinson; secondo i quali, se si cerca la pace, è necessario che Stati Uniti ed Unione Europea riconoscano Hamas come “attore politico”.

A cura di Redazione Papaboys fonte: Radio Vaticana

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,937FansLike
19,967FollowersFollow
9,824FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

La rubrica dedicata a Giovanni Paolo II, 1 Dicembre 2020

Giovanni Paolo II: un nuovo mese con il Papa Santo. Chiedigli...

Pensieri e preghiera a Karol Wojtyla II da leggere oggi La rubrica dedicata a San Giovanni Paolo II - Martedì, 1 Dicembre 2020 LEGGI: Oggi la...