Vangelo: ‘Verranno nel regno dei Cieli’. Lettura e Commento alla Parola di Lunedì 29 novembre 2021

Vangelo 29 novembre 2021
Vangelo 29 novembre 2021 - Foto di xmax88 da Pixabay

Il Vangelo del giorno: Lunedì, 29 novembre 2021

Lettura e commento al Vangelo – Mt 8,5-11: “Molti dall’oriente e dall’occidente verranno nel regno dei cieli.”

+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, entrato Gesù in Cafàrnao, gli venne incontro un centurione che lo scongiurava e diceva: «Signore, il mio servo è in casa, a letto, paralizzato e soffre terribilmente». Gli disse: «Verrò e lo guarirò».

Ma il centurione rispose: «Signore, io non sono degno che tu entri sotto il mio tetto, ma di’ soltanto una parola e il mio servo sarà guarito. Pur essendo anch’io un subalterno, ho dei soldati sotto di me e dico a uno: “Va’!”, ed egli va; e a un altro: “Vieni!”, ed egli viene; e al mio servo: “Fa’ questo!”, ed egli lo fa».
Ascoltandolo, Gesù si meravigliò e disse a quelli che lo seguivano: «In verità io vi dico, in Israele non ho trovato nessuno con una fede così grande! Ora io vi dico che molti verranno dall’oriente e dall’occidente e siederanno a mensa con Abramo, Isacco e Giacobbe nel regno dei cieli».

Parola del Signore

Vangelo 29 novembre 2021
Vangelo 29 novembre 2021 – Foto di luistmunoz da Pixabay

Commento a cura di Paolo Curtaz

Da oriente e da occidente. Da dove non ci si aspetta arrivano coloro che credono. Fuori dai circuiti, fuori dal mondo ebraico. L’avvento ci prepara ancora una volta allo stupore di un Dio che si rende accessibile, che viene per farsi incontrare.

Un Dio che è riconosciuto proprio da coloro che tutti pensavano essere lontani e senza fede. Un Dio incontrabile da chi, come il Centurione, ha a cuore un suo servo, lo tratta come se fosse un figlio.

Il confine fra chi crede e chi non crede non passa più fra le razze e le etnie ma fra gli atteggiamenti: Gesù loda e porta ad esempio la fede del nemico giurato, dell’avversario oppressore.

LEGGI ANCHE: Antica e potente supplica alla Madonna del Carmelo ‘Porta del Paradiso’ per ricevere consolazione…

Rompe gli stereotipi, allarga gli orizzonti, ci obbliga a ridefinire il concetto stesso di appartenenza ad una religione. È iniziato l’avvento, amici, il tempo che ci spinge a chiederci chi o cosa ci rende credenti.

In questo tempo nuovo per la Chiesa, tempo in cui uscire dal pantano dell’abitudine e della troppe cose date per scontate stiamo attenti a non sentirci a posto, cattolici di lungo corso, credenti per tradizione e abitudine.

I tempi nuovi che stiamo vivendo ci obbligano a stare all’erta, a riscoprire seriamente la nostra fede. Prendendo a modello proprio il centurione pagano.

Video commento di don Alessandro Farano

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome