Vangelo 9 Ottobre 2019. Signore, insegnaci a pregare.

Lettura e commento del Vangelo di mercoledi’ 9 Ottobre 2019. Signore, insegnaci a pregare.

.

Lc 11,1-4
Signore, insegnaci a pregare.

Vangelo

Gesù si trovava in un luogo a pregare; quando ebbe finito, uno dei suoi discepoli gli disse: «Signore, insegnaci a pregare, come anche Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli».
Ed egli disse loro: «Quando pregate, dite:
Padre,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno;
dacci ogni giorno il nostro pane quotidiano,
e perdona a noi i nostri peccati,
anche noi infatti perdoniamo a ogni nostro debitore,
e non abbandonarci alla tentazione».

Padre, sia santificato il tuo nome

Signore, insegnaci a pregare!” è la richiesta dei discepoli rivolta a Gesù, e la leggiamo nel Vangelo di oggi. Oggi dunque cercheremo di capire un po’ meglio quanto grande è il nostro bisogno di imparare a pregare; soprattutto con l’aiuto della prima lettura.

Dalla prima lettura

L’attitudine di Giona è esattamente il contrario della prima domanda del Padre Nostro: “Padre, sia santificato il tuo nome“. Giona si oppose a questa richiesta, non vuole che il nome di Dio sia manifestato. Egli lo conosce, il nome di Dio, e gli rincresce che Dio si manifesti come egli è. Infatti dice a Dio: “Io sapevo che tu sei un Dio misericordioso e clemente, longanime, di grande amore e che ti lasci impietosire riguardo al male minacciato!“. Ecco qual è il “nome” di Dio, che vuol manifestarsi, e che Giona conosce da tutta la rivelazione biblica.

Eppure non vuole che esso si manifesti nella sua vita: è una cosa che va contro i suoi gusti, contro la sua volontà di vivere. Egli è stato mandato a Ninive per profetizzare: “Ancora quaranta giorni e Ninive sarà distrutta!” e adesso pretende che questa profezia si realizzi, perché ne va della sua reputazione di profeta. Ma la misericordia di Dio non può mettere in atto comunque questa predizione.

Dio ha inviato il suo profeta per chiamare a conversione e la sua minaccia era condizionata: “Se non vi convertite, perirete”. Ora Dio è contento che la gente di Ninive si sia convertita e di poter manifestare “il suo nome”: il suo amore, la sua tenerezza, la sua misericordia. Giona invece è in collera, non vuole che il nome di Dio si manifesti. E Dio allora gli dà una lezione, perché capisca quanto profondamente egli abbia ragione di aver compassione di coloro che ha creato, come sia logico per lui perdonare, chiamare alla vita e non alla morte.


Vangelo

Insegnaci a pregare

Forse non ce ne accorgiamo, ma tante volte succede anche a noi di desiderare che il nome di Dio non si manifesti come è: un Dio pieno di mitezza e di pazienza, un Dio che non interviene con violenza ma aspetta che gli uomini si convertano, un Dio che lascia sussistere il male per trarne il bene. Quante volte ci lamentiamo di Dio perché le cose non vanno come a noi sembrerebbe giusto! Noi vogliamo riuscire in quel che facciamo; noi vogliamo aver rapporti facili e tranquilli con tutti. Noi vogliamo che il nostro punto di vista prevalga; noi vogliamo che i criminali siano eliminati… E Dio ci lascia sbagliare, ci lascia nelle difficoltà di rapporti, lascia che gli altri non tengano conto delle nostre opinioni, fa splendere il suo sole sui buoni e sui malvagi.

Le nostre reazioni spontanee sono in contraddizione con la prima domanda del Padre Nostro: Sia santificato il tuo nome“, perché invece diciamo: “Si realizzino le mie idee, si compiano i miei desideri, trionfi il mio modo di vedere…”.

E le nostre idee, i nostri desideri, le nostre prospettive sono diverse da quelle di Dio. Abbiamo dunque bisogno che il Signore ci insegni a pregare, che metta in noi un desiderio profondo della sua manifestazione. Fonte lachiesa.it

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome