Vangelo 21 Novembre 2019. Se avessi compreso quello che porta alla pace!

Lettura e commento del Vangelo di Giovedì 21 Novembre – Lc 19,41-44: Se avessi compreso quello che porta alla pace!

Vangelo


+ Dal Vangelo secondo Luca

In quel tempo, Gesù, quando fu vicino a Gerusalemme, alla vista della città pianse su di essa dicendo:
«Se avessi compreso anche tu, in questo giorno, quello che porta alla pace! Ma ora è stato nascosto ai tuoi occhi.
Per te verranno giorni in cui i tuoi nemici ti circonderanno di trincee, ti assedieranno e ti stringeranno da ogni parte; distruggeranno te e i tuoi figli dentro di te e non lasceranno in te pietra su pietra, perché non hai riconosciuto il tempo in cui sei stata visitata».

LEGGI: Oggi la Chiesa ricorda la Presentazione di Maria al Tempio

Non hai riconosciuto il tempo in cui sei stata visitata

Dio non solo viene a visitarci per portare la sua consolazione, benedizione, pace, vita, verità, luce, ogni altro dono, ma anche per invitarci alla conversione per il ritorno nella sua verità, legge, giustizia, obbedienza, santità. Se dopo ripetuti inviti e richiami noi restiamo nel peccato e nella morte, dal peccato e dalla morte saremo consumati. Dio non può agire con la sua vita verso quanti hanno deciso di percorrere vie di morte. Il Signore visita Abramo e Sara per dare loro la consolazione di un figlio. Visita Sodoma e Gomorra perché vuole vedere se ci sono anche margini per riversare in esse la vita.

Poi gli dissero: «Dov’è Sara, tua moglie?». Rispose: «È là nella tenda». Riprese: «Tornerò da te fra un anno a questa data e allora Sara, tua moglie, avrà un figlio». Intanto Sara stava ad ascoltare all’ingresso della tenda, dietro di lui. Abramo e Sara erano vecchi, avanti negli anni; era cessato a Sara ciò che avviene regolarmente alle donne. Allora Sara rise dentro di sé e disse: «Avvizzita come sono, dovrei provare il piacere, mentre il mio signore è vecchio!». Ma il Signore disse ad Abramo: «Perché Sara ha riso dicendo: ?Potrò davvero partorire, mentre sono vecchia?? C’è forse qualche cosa d’impossibile per il Signore? Al tempo fissato tornerò da te tra un anno e Sara avrà un figlio». Allora Sara negò: «Non ho riso!», perché aveva paura; ma egli disse: «Sì, hai proprio riso».
Quegli uomini si alzarono e andarono a contemplare Sòdoma dall’alto, mentre Abramo li accompagnava per congedarli. Il Signore diceva: «Devo io tenere nascosto ad Abramo quello che sto per fare, mentre Abramo dovrà diventare una nazione grande e potente e in lui si diranno benedette tutte le nazioni della terra? Infatti io l’ho scelto, perché egli obblighi i suoi figli e la sua famiglia dopo di lui a osservare la via del Signore e ad agire con giustizia e diritto, perché il Signore compia per Abramo quanto gli ha promesso». Disse allora il Signore: «Il grido di Sòdoma e Gomorra è troppo grande e il loro peccato è molto grave. Voglio scendere a vedere se proprio hanno fatto tutto il male di cui è giunto il grido fino a me; lo voglio sapere!» (Cfr. Gen 19,1-33).
Vangelo


Il Padre dei cieli visita il suo popolo mandando nella carne, da vero uomo, il suo Figlio Unigenito Eterno. Il Figlio viene, invita alla conversione e alla fede nel Vangelo. Mostra i segni della sua verità, più che Mosè in Egitto e durante i quarant’anni di deserto. Più che Elia ed Eliseo. Più che ogni altro profeta e giusto che lo hanno preceduto. Gerusalemme, governata spiritualmente, da un esercito di falsi profeti, diviene sorda, insensibile, addirittura decide attraverso i suoi capi di uccidere il Figlio del Padre.

Con l’uccisione del Figlio finisce la visita di Dio?

Il Signore continua nell’inviare i suoi messaggeri. Gesù manda i suoi Apostoli. Ma anche contro gli inviati da parte di Cristo Signore c’è ostinazione e volontà di morte. L’ultimo ad essere inviato è stato Paolo. Anche contro di Lui fu fatto un giuramento esecratorio per la sua eliminazione.

Dio non può più riversare alcuna protezione, difesa, vita su Gerusalemme. Quando il Signore non può più custodire, non esiste alcuna custodia umana. Non più protetta da Dio, Gerusalemme cade nelle mani dei pagani. Ma per sua gravissima colpa: non ha voluto lasciarsi visitare dal Signore. Non si è convertita alla sua Parola.

Gesù ama il suo popolo. Ama la città nella quale il Signore ha posto la sua dimora. È il popolo che non ama il suo Dio, che lo respinge. Se in mezzo ai ghiacci un uomo spegne il fuoco, si potrà mai riscaldare? Non è il freddo che uccide l’uomo. È l’uomo che si uccide perché ha deciso di spegnere il fuoco. Il popolo ha deciso di togliere Dio dalla sua vita, poiché solo Lui è il Datore della vita, ha deciso di camminare su sentieri di morte. Da questo momento Gerusalemme è conquistabile e la si può anche distruggere. Le manca il muro di fuoco che la protegge e questo muro è il Signore. Non è però Dio che si allontana, è il popolo che ha deciso di spegnere il fuoco divino.

Madre di Dio, Angeli, Santi, fate che sempre ci lasciamo visitare dal nostro Dio.

Commento a cura del Movimento Apostolico

Fonte lachiesa.it

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome