Una statua di San Filippo “suda” in provincia di Enna, i fedeli gridano al miracolo! VIDEO

La statua del patrono San Filippo avrebbe iniziato a sudare, e non per il caldo: il vescovo chiede cautela sull’evento prodigioso

Alcuni fedeli di Agira, comune in provincia di Enna, hanno affermato di aver visto “sudare” la statua in legno di San Filippo, patrono del paese.

I credenti hanno documentato in un filmato il fenomeno – che secondo loro si era già verificato in passato – gridando al miracolo.

Secondo alcune testimonianze, la testa dell’effige, che si trova nella sacrestia della Reale abbazia, ha perso più volte del liquido nelle ultime ore.

Il vescovo di Nicosia Salvatore Muratore, informato dei fatti nei giorni scorsi, ha chiesto il massimo riserbo, ma la notizia del fenomeno si è diffusa.

In particolare la Curia ha invitato i fedeli alla cautela in attesa di accertamenti scientifici e teologici e ha disposto la chiusura al pubblico della sacrestia, dopo i primi “pellegrinaggi” di fedeli e curiosi venuti a osservare la statua che raffigura il “Santo nero”.

LA POSIZIONE DELLA CURIA 

Storicamente il Vaticano è sempre stato estremamente cauto su eventi paranormali di questo tipo, ben conoscendo quanto possa essere suggestionabile l’animo di un credente. Basti pensare che neanche al famoso scioglimento del sangue di San Gennaro a Napoli, che si è ripetuto mercoledì scorso (e che il Cicap ha peraltro spiegato scientificamente), ha mai riconosciuto lo status di «miracolo», ma di “semplice” «prodigio»; consentendone la venerazione popolare, più a furor di popolo che per un’attenta diagnosi del rito della liquefazione. San Filippo, di origini siriane, è uno dei diversi santi «neri» adorati sull’isola, come San Calogero ad Agrigento: venne inviato ad Agira nel V secolo dopo Cristo, per sconfiggere le forze del male e il paganesimo diffuso. Il vescovo di Nicosia Salvatore Muratore, informato del fenomeno “metafisico”, ha chiesto la massima cautela nell’affrontare la questione con i parrocchiani: perché il sudore del predicatore esorcista venga eventualmente riconosciuto come tale, e quindi espressione di un messaggio divino, saranno necessari mesi di rigorosi accertamenti tecnici e teologici da parte di un’apposita commissione clericale. Fino ad allora, è bene tenere a mente un fondamentale concetto filosofico: ciò che non è spiegabile, non è detto che non lo diventi in futuro con lo sviluppo della conoscenza umana. E, comunque, nulla – se non la fede – può autorizzarci a trarre conclusioni affrettate sull’origine trascendente di ciò che è (ancora) avvolto dal mistero.
.

.

 

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome