Home News Ethica et Oeconomia Un decalogo contro la diffusione del gioco d'azzardo

Un decalogo contro la diffusione del gioco d’azzardo

gioco.azzardo“Un decalogo di denuncia” contro il gioco d’azzardo: lo ha proposto in questi giorni monsignor Marco Granara, rettore del Santuario di Nostra Signora della Guardia e presidente della Fondazione Antiusura Santa Maria del Soccorso della diocesi di Genova, tramite il proprio profilo Facebook. Tra i vari punti del decalogo si leggono le seguenti richieste: “L’eliminazione delle campagne pubblicitarie, ingannevoli e ipocrite, dagli organi di comunicazione”; “norme precise di tutela da parte dello Stato nei confronti delle persone a rischio”; “che i ‘compulsivi del gioco’, veri e propri ammalati e dipendenti, siano curati a spese dello Stato come per altre malattie/dipendenze sociali”; “un sostegno economico dallo Stato per gli esercizi virtuosi che si liberano dalle fonti di entrata da azzardo”; “che tutti gli operatori del settore dell’azzardo rispettino le leggi vigenti in materia, siano sottoposti al totale rispetto – senza sconti o condoni – delle norme fiscali, compreso il rimborso dei loro debiti pregressi con l’erario pubblico”

Il decalogo è stato preparato “con i collaboratori della Fondazione Antiusura perché i drammi familiari, provenienti anche dall’uso dell’azzardo chiamato ‘gioco’, ci ha fatto diventare, nostro malgrado, competenti in materia”. I vari punti vengono proposti come uno spunto, una traccia, rivolta a “chi volesse utilizzarli, maturarli, integrarli”. Sono idee “da condividere, sottoscrivere e, magari far arrivare molto oltre il nostro gruppo di amici. Potremo anche farlo diventare proposta e denuncia per i piani alti della società, della comunicazione e della politica che ancora si può chiamare tale” fino ad arrivare “al Presidente della Repubblica”. Mons. Granara non è contro il gioco in quanto tale. “Il ‘gioco’ non solo non è un peccato, ma è un’esigenza naturale del cuore umano, da rispettare e promuovere”. Ma “il cosiddetto ‘gioco d’azzardo’ non è un gioco. è una rovina e una fregatura per una sacco di povera gente e di famiglie”. Per questo “dobbiamo dircelo a gran voce e sussurrarcelo tra amici, fino a che non diventi convinzione comune e cultura diffusa. Solo così, gli uomini della politica e i malavitosi delle lobbies, dovranno riconsiderare il fenomeno aberrante in tutta la sua gravità”. 

Agenzia Sir

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

306,066FansLike
20,431FollowersFollow
9,829FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

La storia del piccolo Daniel Neves

La storia di Daniel: il bambino che dipinge santi per pagarsi...

Il piccolo Daniel sta letteralmente commovendo il mondo Un bambino, di nome Daniel, dipinge la Madonna per pagarsi le cure mediche (Fonte it.churchpop.com) Nelle ultime settimane...