Home News Italiae et Ecclesia Scandalo immigrati, i Papaboys solidali con don Vincenzo Federico

Scandalo immigrati, i Papaboys solidali con don Vincenzo Federico

scandaloI Papaboys campania esprimono solidarietà e vicinanza a don Vincenzo Federico, direttore della Caritas Regionale Campania, sicuri della sua estraneità nello scandalo accoglienza immigrati. Riportiamo l’intervista a don Francesco Soddu, direttore Caritas Italiana su Avvenire.

CAMPANIA – TEGGIANO – “Esprimiamo fiducia nell’operato della magistratura, e auspichiamo che sia veloce e faccia chiarezza al più presto, anche per rispetto del lavoro di tante persone”. Così don Francesco Soddu, direttore di Caritas italiana, commenta all’agenzia Sir l’accusa rivolta al direttore della Caritas diocesana di Teggiano-Policastro, don Vincenzo Federico, in un’inchiesta riguardante l’accoglienza degli immigrati. “Chiediamo che la vicenda – precisa don Soddu – non offuschi il lavoro di tante Caritas e tanti operatori Caritas impegnati tutti i giorni a servizio dei poveri”.

L’avvocato: tempi rapidi per l’inchiesta
“Massima serenità e piena fiducia nella giustizia auspicando, però, che tutto possa definirsi in tempi rapidi, una rapidità almeno simile alla velocità con la quale, in spregio a ogni riserbo istruttorio, si è dato ampio risalto mediatico a una ipotesi di accusa”. Lo ha dichiarato l’avvocato Revinaldo Lagreca, legale di don Vincenzo Federico, il responsabile della Caritas Campania indagato nell’ambito dell’inchiesta della procura di Napoli sulla gestione dei soldi.

“L’accusa nei confronti di don Vincenzo Federico – afferma il legale – è, a dir poco, surreale. Si badi, secondo il provvisorio capo di imputazione non è contestata la mancata consegna dei ticket money agli immigrati ma la spendita dei detti ticket money in schede telefoniche. Ora, dopo aver precisato l’ovvio e, cioè, che non siamo titolari di compagnie telefoniche, sarà assai agevole per gli inquirenti verificare che nessuna ricarica telefonica ha interessato la Caritas di Teggiano-Policastro”.

“Auspico – continua l’avv. Lagreca – che tanto si possa fare con massimo puntiglio e velocità a tutela non solo dell’onore e decoro di persone perbene ma, soprattutto, perché la missione che quotidianamente svolgono don Vincenzo Federico ed i suoi collaboratori non può rimanere offuscata neppure da un sospetto”.

“Già in tempi non sospetti – ha aggiunto l’avvocato Lagreca – fu proprio don Vincenzo Federico a segnalare al Capo Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione l’inopportunità di procedere con la consegna dei ticket money perché, cito testualmente: ‘Tale situazione favorisce un mercato ‘illegale’ dei pocket money che vengono tramutati in contante trattenendo, da chi lo fa, una illecita provvigione (se mi dai il blocchetto che vale 75 euro ti do 50 euro in contanti)’. A fronte di tale preciso allarme, che è servito a far mutare il sistema, il procurato vilipendio mediatico è profondamente ingiusto. La Caritas non è meritevole di tanta offesa mediatica. La Caritas – conclude l’avvocato Lagreca – con diuturno impegno e dedizione offre il proprio sostegno allo Stato nel fronteggiare l’emergenza immigrazione”. fonte: Avvenire

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus rende difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,875FansLike
17,014FollowersFollow
9,595FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

italica.102anni

La storia di Italica sta facendo riflettere il mondo: ha 102...

"Eʼ già diventata un simbolo di speranza per tutti noi. E anche un esempio di come tutti vengono curati, a prescindere dallʼetà", ha affermato...