San Francesco: PACE E BENE A TE! (14 Ottobre 2018)

San Francesco: PACE E BENE A TE!

La nuova rubrica quotidiana dedicata alle parole e alla vita di San Francesco, un modo per entrare nella spiritualità francescana e vivere nella pace di Dio e nell’umiltà di Nostro Signore.

Ogni giorno un testo, una preghiera o un fioretto tratto dalla vita del “poverello di Assisi”.

Gesù nostro Signore vi benedica!

San Francesco e i Fioretti (Capitolo XVI)

LEGGI ANCHE: San Francesco e la sua vita 

Come uno fanciullo fraticino, orando santo Francesco di notte, vide Cristo e la Vergine Maria

Come uno fanciullo fraticino,
orando santo Francesco di notte,
vide Cristo e la Vergine Maria
e molti altri santi parlare con lui.

NOVENA A SAN FRANCESCO

Uno fanciullo molto puro e innocente fu ricevuto nell’Ordine, vivendo santo Francesco; e stava in uno luogo piccolo, nel quale i frati per necessità dormivano in campoletti . Venne santo Francesco una volta al detto luogo e la sera, detta Compieta, s’andò a dormire per potersi levare la notte ad orare, quando gli altri frati dormissono, come egli era usato di fare.

Il detto fanciullo si puose in cuore di spiare sollecitamente le vie di santo Francesco, per potere conoscere la sua santità e spezialmente di potere sapere quello che facea la notte quando si levava. E acciò che ’l sonno non lo ingannasse, sì si puose quello fanciullo a dormire allato a santo Francesco e legò la corda sua con quella di santo Francesco, per sentirlo quando egli si levasse: e di questo santo Francesco non sentì niente.

Ma nella notte..

Ma la notte in sul primo sonno, quando tutti gli altri frati dormivano, si levò e trovò la corda sua così legata e sciolsela pianamente, perché il fanciullo non si sentisse, e andossene santo Francesco solo nella selva ch’era presso al luogo, ed entra in una celluzza che v’era e puosesi in orazione.

E dopo alcuno spazio si desta il fanciullo e trovando la corda isciolta e santo Francesco levato, levossi su egli e andò cercando di lui; e trovando aperto l’uscio donde s’andava nella selva, pensò che santo Francesco fusse ito là, ed entra nella selva.

Giugnendo presso al luogo dove santo Francesco orava, cominciò a udire un grande favellare; e appressandosi più, per vedere e per intendere quello ch’egli udiva, gli venne veduta una luce mirabile la quale attorniava santo Francesco, e in essa vide Cristo e la Vergine Maria e santo Giovanni Battista e l’Evangelista e grandissima moltitudine d’Agnoli, li quali parlavano con santo Francesco.

Vedendo questo il fanciullo e udendo, cadde in terra tramortito. Poi, compiuto il misterio di quella santa apparizione e tornando santo Francesco al luogo, trovò il detto fanciullo, col piè, giacere nella via come morto, e per compassione sì lo levò e arrecollosi in braccio e portollo come fa il buono pastore alle sue pecorelle. E poi sapendo da lui com’egli avea veduta la detta visione, sì gli comandò che non lo dicesse mai a persona, cioè mentre che egli fosse vivo.

Il fanciullo poi, crescendo in grazia di Dio e divozione di santo Francesco, fu uno valente uomo in nello Ordine, ed esso, dopo la morte di santo Francesco, rivelò alli frati la detta visione.

A laude di Gesù Cristo e del poverello Francesco. Amen.

LEGGI ANCHE: Questa potente benedizione di San Francesco entri nella tua casa

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome