San Benedetto aveva preannunciato il giorno della sua morte

San Benedetto profetizzò il giorno della sua morte ai suoi discepoli. Sapeva anche il genere di segno avrebbe visto al momento in cui la sua anima sarebbe uscita dal corpo.

San Benedetto

Nello stesso anno in cui avrebbe lasciato questa vita, Benedetto predisse il giorno della sua morte ad alcuni discepoli che vivevano con lui e ad altri che si trovavano lontani. Ai presenti impose di mantenere il silenzio su ciò che avevano udito, a chi era assente, indicò quale genere di segno avrebbe visto al momento in cui la sua anima sarebbe uscita dal corpo.

LEGGI ANCHE: San Benedetto risuscita il figlio di un contadino

Sei giorni prima di morire ordinò di aprire il suo sepolcro. Ben presto fu colpito da febbri che cominciarono a stremarlo. La malattia si andò aggravando di giorno in giorno. Il sesto giorno si fece portare dai discepoli in oratorio, e qui si fortificò per il suo transito con il viatico del corpo e del sangue del Signore. I discepoli sostenevano fra le loro braccia quel corpo debilitato. Benedetto, ritto in piedi, le braccia levate al cielo, mentre si effondeva in preghiera rese lo spirito.

Lo stesso giorno la sua morte fu rivelata con una medesima e identica visione a due suoi monaci, uno dei quali si trovava in monastero, l’altro in un luogo più lontano.
Videro una strada ricoperta di tappeti e tutta splendente di lampade, che dalla sua cella s’innalzava, in linea retta verso Oriente, fino al cielo. Alla sua sommità c’era un uomo d’aspetto venerando e splendente di luce, il quale chiese loro se sapessero che via fosse quella che stavano vedendo. Risposero di non saperlo.

San Benedetto

Allora l’uomo disse: “Questa è la via sulla quale Benedetto, uomo che il Signore ama, sale al cielo“.

In quel momento anche chi si trovava lontano poté conoscere la morte del santo, come i presenti che la videro con i loro occhi.

Fu sepolto nell’oratorio di San Giovanni Battista, che egli stesso aveva fatto costruire sul luogo dove aveva distrutto l’ara di Apollo a Montecassino.

Fonte digilander.libero.it

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni, con il cuore, senza interessi economici o politici, semplicemente perché il cuore ci chiama a farlo. E ci mettiamo passione, costanza, ed anche quel pizzico di professionalità che deve contraddistinguere i cristiani. Ecco perché siamo “missionari di parabole antiche e sempre nuove: chiamati ad esserci, ed a stare anche vicini ad ognuno di voi”.

Un numero sempre maggiore di persone legge Papaboys.org senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente. Soprattutto quando si parla di cristianesimo.

Purtroppo il tipo di informazione che cerchiamo di offrire richiede molto tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire tutti i giorni i costi quotidiani di Papaboys.org ed abbiamo deciso di chiedere proprio a te che leggi di essere per noi, proprio Provvidenza.

Puoi aiutarci a continuare questa missione sempre meglio e con maggiore spessore ed incisività? L’unica cosa che non possiamo garantirti è aumentare il cuore che ci mettiamo per fare questo lavoro, perché fino ad oggi ce lo abbiamo messo davvero tutto! Ma con un po’ di sostegno in più, possiamo essere davvero più incisivi, per te, e per tutti coloro che ci seguono (quasi 2.000.000 di lettori ogni mese!)

Inviaci il tuo contributo, quello che vuoi, e che puoi. E che Dio ti benedica!

Grazie
Daniele Venturi
Direttore Papaboys.org

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €10.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome