Home News Humanitas et Web Sabato 31 gennaio – Basta allungare una mano per sentirti

Sabato 31 gennaio – Basta allungare una mano per sentirti

Sabato 31 gennaio – Basta allungare una mano per sentirtiIn quel medesimo giorno, verso sera, disse loro: «Passiamo all’altra riva». E lasciata la folla, lo presero con sé, così com’era, nella barca. C’erano anche altre barche con lui. Nel frattempo si sollevò una gran tempesta di vento e gettava le onde nella barca, tanto che ormai era piena. Egli se ne stava a poppa, sul cuscino, e dormiva. Allora lo svegliarono e gli dissero: «Maestro, non t’importa che moriamo?». Destatosi, sgridò il vento e disse al mare: «Taci, calmati!». Il vento cessò e vi fu grande bonaccia. Poi disse loro: «Perché siete così paurosi? Non avete ancora fede?». E furono presi da grande timore e si dicevano l’un l’altro: «Chi è dunque costui, al quale anche il vento e il mare obbediscono?». Marco 4,35-41.

È sera.
Hai parlato tutto il giorno.
Fatto miracoli.
Spiegato e consolato.
E senza fermarti mai.
Ora sei in barca.
E ti addormenti sfinito.
Ma la notte è il mio momento peggiore.
Infuriano i pensieri e tutta la vita sembra affondare.
Hanno voluto svegliarti.
Non sanno che basta starti vicino.
Che basta pensare il tuo nome.
Perché tutto si calmi.
Non è la tua voce che fa i miracoli.
È la tua presenza.
E tu ci sei sempre.

Si, è vero.
A volte la vita mi si riempie di acqua.
Anche se tu sei con me.
A volte la notte sembra vincere.
E il giorno è troppo lontano.
Anche se sono con te.
A volte il vento rovescia pensieri e certezze.
E inizio ad affondare.
E tu dormi.
Ma mi dico. Sono con lui.
E anche se è buio e non ti vedo, basta allungare una mano per sentirti.
E se mi metto sotto di te, il vento non mi porta via.
Quello di cui ho paura è la tua assenza.
Una barca vuota di te.
Anche se il cielo fosse sereno.
Mi metterebbe paura.
So che ci sei.
Ed è sole, bonaccia, vita , amore.
Si.
Sempre si.

Lo avete sentito ascoltare e calmare i cuori di tutti.
Lo avete visto toccare e guarire le tempeste di ogni vita.
Lo avete visto pregare e guarire ogni vita.
I demoni fuggiti.
La morte sconfitta.
Il peccato vinto.
Che timore avete se si è addormentato?
Lasciatelo riposare.
Contemplatelo dormire.
Guardatelo e tacete.
La fede vi entrerà dagli occhi.
E tutto si placherà, dentro e fuori.
Quanto ti amo amore mio.

Questa notte vorrei essere quel cuscino a poppa.

Di Don Mauro Leonardi

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,918FansLike
19,967FollowersFollow
9,826FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

Novena all’Immacolata Concezione

Novena all’Immacolata Concezione. Preghiera per chiedere una grazia, 6 dicembre 2020,...

Novena all’Immacolata Concezione – 8° giorno di preghiera (6 dicembre 2020) Oh Padre Misericordioso! O Padre di misericordia, datore di ogni bene, noi ti ringraziamo perché...