Home News Humanitas et Web Sabato 27 dicembre – Senza il tuo corpo non è possibile vivere

Sabato 27 dicembre – Senza il tuo corpo non è possibile vivere

Sabato 27 dicembre – Senza il tuo corpo non è possibile vivereCorse allora e andò da Simon Pietro e dall’altro discepolo, quello che Gesù amava, e disse loro: «Hanno portato via il Signore dal sepolcro e non sappiamo dove l’hanno posto!». Uscì allora Simon Pietro insieme all’altro discepolo, e si recarono al sepolcro. Correvano insieme tutti e due, ma l’altro discepolo corse più veloce di Pietro e giunse per primo al sepolcro. Chinatosi, vide le bende per terra, ma non entrò. Giunse intanto anche Simon Pietro che lo seguiva ed entrò nel sepolcro e vide le bende per terra, e il sudario, che gli era stato posto sul capo, non per terra con le bende, ma piegato in un luogo a parte. Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette. Giovanni 20,2-8

Davanti a te anche la morte si mette in ordine.
Ripiega i suoi simboli.
Li mette da parte.
Apre la porta.
Rotola via.
Lascia spazio alla luce.
Alla vita.
Davanti a te anche la morte corre via.

Senza il tuo corpo non è possibile vivere.
Non è possibile piangere.
Non è possibile ridere.
Non è possibile amare.
Senza il tuo corpo non è possibile vivere.
Devo sapere dove sei.
Devo sapere con chi sei.
Chi ti ha preso.
Corro a cercarti.
Corro a chiedere.
Corro.
Senza il tuo corpo non è possibile vivere.

Corre Maria.
Corre Pietro.
Corre Giovanni.
Se ami, corri.
Se ami, cerchi.
Se ami, non aspetti.
Se ami, arrivi.
Arrivi e guardi e vedi.
Arrivi e capisci e credi.
Arrivi e credi e rimani incantato.
È l’amore che muove il cuore, gli occhi, le gambe.
È l’amore che muove tutto e tutti.

Sei andato via per poter restare.
Sei morto per vivere.
Nessun telo ti copre.
Nessun sudario ti vela.
Ora sei mio totalmente.
Riempirai i miei sguardi.
Le mie mani.
La mia bocca.
La mia vita.
Come prima.
Più di prima.
Arrivano tutti.
Di corsa.
C’è da correre e da spalancare occhi e cuore.

È tutto in ordine.
Ha vinto la vita.
Ha vinto l’amore.
Non riesco a muovermi dalla gioia.
Che corsa.
Che bello.
Quanto ti amo.

Di Don Mauro Leonardi

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus rende difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,882FansLike
17,251FollowersFollow
9,625FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

coronavirus 24 ore fa

Un dato agghiacciante. Coronavirus, oltre un milione e mezzo di casi...

Negli Usa quasi 420mila casi: i morti salgono a 14.262. Picco di vittime in Gran Bretagna. LʼOms allʼEuropa: "Non è tempo di allentare le...