Ritorniamo per un attimo bambini. Da Bologna i 50 anni del “piccolo coro Mariele Ventre” dell’Antoniano

203Ai blocchi di partenza la 56.ma edizione dello Zecchino d’Oro, la trasmissione canora per bambini ormai entrata a far parte del costume nazionale. In diretta su Rai 1, da oggi e per cinque pomeriggi, il Piccolo Coro dell’Antoniano di Bologna affiancherà 17 cantanti in una tradizione che si annovera tra le più longeve della televisione italiana. Mezzo secolo di vita quest’anno per il coro di bambini fondato nel 1953 da Mariele Ventre, sua storica direttrice, prematuramente scomparsa.

Correva l’anno 1963 e nell’Italia del boom economico nasceva il “Piccolo coro dell’Antoniano”. A Bologna, all’ombra delle opere dei francescani, insieme alla carità, spuntò il primo germoglio di quello che sarebbe poi diventato un grande centro di produzione televisiva e teatrale per bambini. La musica al primo posto, naturalmente, confezionata e pensata per un pubblico di soli piccini. Il progetto ebbe successo, complice anche le luci della ribalta a cui andò incontro lo Zecchino d’Oro, la manifestazione canora trasmessa ininterrottamente dalla Rai fino ad oggi. Ai nostri microfoni padre Alessandro Caspoli, direttore dell’Antoniano:

“Il Piccolo coro è una scuola di canto che ancora oggi ha un grande significato perché insegna ai bambini, di un’età che vanno dai 4 agli 11 anni, a cosa vuol dire stare insieme e fare in modo che tante diversità facciano un’unità. Il francescanesimo è presente nello spirito dello Zecchino e del Piccolo coro proprio con quei valori che noi francescani abbiamo portato avanti da 800 anni: quello di essere vicino alle persone in maniera molto diretta e concreta, quella di una semplicità di rapporti. Coltivare e alimentare quel terreno sul quale costruire dei cristiani. In fondo il cristiano si costruisce se ha delle basi solide e se ci sono delle basi solide di valori sui quali impiantare il cristianesimo”.

E così quest’anno è arrivata una torta di compleanno con 50 candeline per un’iniziativa che non smette di rimanere bambina nel senso più bello della parola. A confermarlo Sabrina Simoni, direttrice del Piccolo coro:

“I bambini sono una fonte continua di saggezza. Sembra incredibile, ma invece è vero! La saggezza di chi sta osservando il mondo, lo scopre. Con la musica e con una disciplina artistica d’insieme si riescono a colmare o altrimenti a costruire delle opportunità di crescita importanti. Trovo che la testimonianza cristiana più bella che il coro dia oggi è quella di ospitare, accogliere tantissimi bambini di tantissime provenienze, di tantissime etnie e di differenti religioni”. 

Dalle immagini in bianco e nero a quelle a colori fino all’alta definizione: un viaggio nella storia d’Italia a leggere quei testi e a rivedere quei volti. Ma la musica, invece, è rimasta sempre la stessa, intrisa di ricordi, pronta da ballare e canticchiare dai bambini di oggi, e di ieri.

Da Bologna per la Radio Vaticana Luca Tentori (servizio in audio):RealAudioMP3

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome