Ripartite dalla rivoluzione della tenerezza. Il compito che Francesco lascia alla Chiesa di Cesena

Siate tenaci nel testimoniare il Vangelo e camminate insieme, sostenuti dallo Spirito Santo. L’incoraggiamento di Francesco a sacerdoti, consacrati e laici dei Consigli pastorali, riuniti nella Cattedrale di Cesena, dove ad accoglierlo in Piazza San Giovanni erano tanti giovani, ragazzi, bambini emozionati d’incontrare il Papa.

“La Chiesa – ha detto Francesco nel suo discorso –  conta molto su di loro“, “consapevole delle loro grandi risorse, della loro attitudine al bene, al bello, alla libertà autentica e alla giustizia”. Per questo, ha osservato, la prossima Assemblea del Sinodo dei vescovi, li coinvolgerà direttamente:

“Hanno bisogno di essere aiutati a scoprire i doni di cui il Signore li ha dotati, incoraggiati a non temere dinanzi alla grandi sfide del momento presente”.

Quindi l’auspicio:

“Nel Vangelo e nella coerente testimonianza della Chiesa i giovani possono trovare quella prospettiva di vita che li aiuti a superare i condizionamenti di una cultura soggettivistica che esalta l’io fino a idolatrarlo (…) e li apra invece a propositi e progetti di solidarietà”.

Si è poi raccomandato il Papa di ripristinare il dialogo tra giovani e anziani, nipoti e nonni. Gli anziani – ha detto – vanno in pensione ma non la loro vocazione di dare a tutti noi specie ai giovani “la saggezza della vita”. “Questa è la ricetta rivoluzionaria di oggi”:

“Che i vecchi non entrino in quella strada di dire: “Ma, sono cose passate, tutto è arrugginito …”: no! Sogna! Sogna. E il sogno del vecchio farà che il giovane vada avanti, che si entusiasmi, che sia profeta. Ma sarà proprio il giovane a far sognare il vecchio e a prendere questi sogni”.

“Questo dialogo –  ha aggiunto il Papa – farà miracoli”, perché a un giovane “che non sa accarezzare un anziano, gli manca qualcosa” E, ad “un anziano “che non ha pazienza di ascoltare i giovani, gli manca qualcosa”.

“La principale missione dei discepoli di Cristo” – ha quindi ricordato il Papa – è  “annunciare e testimoniare con gioia il Vangelo”, “con unità di intenti” e “collaborazione tra le diverse realtà ecclesiali e i diversi soggetti pastorali, che trovano nel vescovo il sicuro punto di riferimento e di coesione”, “nella ricerca coraggiosa, davanti le sfide pastorali e sociali, di forme nuove di cooperazione e presenza ecclesiale sul territorio”, ponendo “l’amore in Cristo” “al di sopra di tutto, anche di legittime esigenze particolari”:

“…allora si diventa capaci di uscire da sé stessi, di decentrarsi a livello sia personale che di gruppo e, sempre in Cristo, andare incontro ai fratelli”.

Specie a “tanti uomini e donne che vivono ai margini della società: segnati dalla sofferenza, dal disagio, dall’abbandono e dalla povertà. Persone feritedalle dure prove della vita, che sono umiliate, che si trovano in carcere o in ospedale”:

“Accostando e curando con tenerezza queste piaghe, spesso non solo corporali ma anche spirituali, veniamo purificati e trasformati dalla misericordia di Dio”.

Consapevoli – ha detto Francesco –  che inoltrandoci “nel mare aperto delle povertà del nostro tempo”, “da soli non possiamo fare nulla”, senza l’aiuto del Signore. Da qui l’invito pressante a “riservare adeguato spazio alla preghiera e alla meditazione della Parola di Dio, “chiamati ad uscire dal proprio ‘orticello’ e andare verso le periferie esistenziali”, ma sempre uniti “al cuore di Cristo”, “contagiati dal suo sguardo”, “che posava con compassione, sulle persone”, “nelle strade di Galilea”:
.

.
“Oggi si possono vedere tanti volti attraverso i mezzi di comunicazione, ma c’è il rischio di guardare sempre meno negli occhi degli altri. È guardando con rispetto e amore le persone che possiamo fare anche noi la rivoluzione della tenerezza”.

Quindi un incoraggiamento a lavorare “con le famiglie e per la famiglia”, “in questo tempo difficile”, sia per l’istituzione famiglia “cellula-base della società”, sia per “le famiglie concrete, che sopportano buona parte del peso della crisi socio-economica senza ricevere in cambio un adeguato sostegno”. E, questo pesa anche sul  “rapporto dei genitori con i figli”. Dobbiamo far sì – si è raccomandato Francesco – che “i genitori possano perdere tempo giocando con i loro figli”.

Un augurio speciale, infine, per i sacerdoti, a “riscoprire continuamente” “la gioia di essere preti”, portatori della sua Parola, del suo perdono, del suo amore, della sua grazia:

“È una chiamata che non finisce mai di stupirci, la chiamata del Signore!”.

Infine un richiamo a tutti i fedeli a superare le “incomprensioni” avendo il coraggio di parlane o tacendo e mai con le “chiacchere” che “distruggono una comunità”. Prima di lasciare la cattedrale, Francesco si è soffermato nella Cappella della Madonna del Popolo, dove ad attenderlo erano alcuni malati, e si è poi recato in Sagrestia, dove ha salutato gli ospiti della Casa Accoglienza e gli organizzatori della visita. Quindi ha raggiunto in auto l’eliporto, per raggiungere la città di Bologna.

di Roberta Gisotti per la Radio Vaticana

 

 

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome