Preghiera potente da recitare oggi, 19 aprile 2019, Venerdì Santo, per chiedere una grazia al Re dei Re

OGNI DIMENSIONE ASCENSIONALE RICHIEDE IMPEGNO E DECISIONE. COSÌ È ANCHE DELL’ALPINISTA CHE, PRIMA DI FORNIRSI DI STRUMENTI ADEGUATI, DEVE COMPIERE UNA GIUSTA PREPARAZIONE. NON BASTA COLTIVARE I BUONI SENTIMENTI, OCCORRE, INVECE TRASFORMARE I BUONI PROPOSITI IN CONCRETEZZA DI VITA. LA SCALA ASCENSIONALE VERSO LA CASA DEL PADRE O VERSO LA SALA DEL BANCHETTO O VERSO LA VETTA DEL GOLGOTA NON PUÒ ESSERE COSTRUITA DA MANI DI UOMINI.

IL SAGGIO COSTRUTTORE È SEMPRE IL PADRE, FONTE DI SAPIENZA. EGLI È ANCHE L’UNICA FONTE DI ENERGIA NECESSARIA PER CHIUNQUE VOLESSE TENTARE LA SCALATA. GESÙ PAROLA RIVELATA DEL PADRE, CI HA INDICATO I VARI GRADINI PER POTER ASCENDERE FINO ALLA VETTA DEL SACRIFICIO. SI POSSONO LEGGERE NELLA LETTERA AI ROMANI: “VI ESORTO, FRATELLI, PER LA MISERICORDIA DI DIO AD OFFRIRE I VOSTRI CORPI COME SACRIFICIO VIVENTE, SANTO E GRADITO A DIO; È QUESTO IL VOSTRO CULTO SPIRITUALE. NON CONFORMATEVI ALLA MENTALITÀ DI QUESTO SECOLO, MA TRASFORMATEVI RINNOVANDO LA VOSTRA MENTE, PER POTER DISCERNERE LA VOLONTÀ DI DIO, CIÒ CHE È BUONO, A LUI GRADITO E PERFETTO” (RM 12, 1-2). IL SACRIFICIO NON SI OFFRE UNA SOLA VOLTA. TUTTA LA VITA O TUTTA L’ESISTENZA UMANA, DEVE ESSERE “IL SACRIFICIO VIVENTE, SANTO E GRADITO A DIO”. UN PERENNE “SACRIFICIO” CHE SI INNESTA NEL “SACRIFICIO” DI TOTALE REDENZIONE E TRASFORMAZIONE CHE GESÙ HA COMPIUTO. LA SCALA ASCENSIONALE DEVE ESSERE FATTA DI MENTALITÀ CONVINTA E DI VOLONTÀ DECISA. DEVE INNALZARSI E REALIZZARSI NEL TOTALE COMPIMENTO DELLA VOLONTÀ DI DIO. 

Vorrei oggi e sempre diventare, Signore, il sacrificio vivente, santo e a te gradito. 

(brano tratto dal libretto Quaresima – Il cammino di conformità a Cristo Gesù – di N.Giordano)

PREGHIERA PER IL VENERDI’ SANTO

Dio Redentore, eccoci alle porte della fede,

eccoci alle porte della morte,

eccoci di fronte all’albero della croce.
Solo Maria resta in piedi
nell’ora voluta dal Padre, nell’ora della fede.

Tutto è compiuto,ma, allo sguardo umano,

a sconfitta sembra completa.
Sul ruvido legno della croce, tu fondi la chiesa:

affidi Giovanni come figlio
a tua madre, e tua madre, da questo momento
entra nella casa di Giovanni.
Tutto è compiuto. Tu hai dato la vita,
apri il nostro cuore a questo dono totale.

Sul legno hai elevato tutto a te.
O Signore,

disceso dalla croce raggiungi l’uomo in lacrime,

per dirgli che l’hai amato fino in fondo.

(Romano Guardini)

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome