Preghiera a Sant’Andrea Apostolo da recitare oggi, sabato 30 novembre 2019 nella festa del santo

Sant’Andrea Apostolo: nato a Betsaida, fratello di Simon Pietro e pescatore insieme a lui, fu il primo tra i discepoli di Giovanni Battista ad essere chiamato dal Signore Gesù presso il Giordano, lo seguì e condusse da lui anche suo fratello.

Dopo la Pentecoste si dice abbia predicato il Vangelo nella regione dell’Acaia in Grecia e subíto la crocifissione a Patrasso. La Chiesa di Costantinopoli lo venera come suo insigne patrono. (Martirologio Romano)

Sant’Andrea Apostolo

LA STORIA DI SANT’ANDREA APOSTOLO: Il Santo di oggi 30 Novembre 2019 Sant’Andrea, Apostolo

PREGHIERA A SANT’ANDREA APOSTOLO

Per quell’ ammirabile prontezza con cui voi, o glorioso Sant’ Andrea,

vi deste a seguir Gesù Cristo ed a Lui conduceste il vostro fratello,

che divenne poi il capo dell’Apostolico collegio e la pietra

fondamentale della chiesa; deh! ottenete e noi tutti la grazia

di seguir prontamente le divine ispirazioni, 

di confessar generosamente la verità,

di amar sempre le croci e i patimenti di questa terra,

al fine di assicurarci i beni perfetti ed eterni del Paradiso.

Pater, Ave, Gloria

La processione di Sant Andrea Apostolo, nella diocesi di Aversa

PREGHIERA DI SANT’ANDREA APOSTOLO

(Racconto del VI secolo “Passione di Andrea”, ricordato da Papa benedetto XVI nella catechesi su S. Andrea Apostolo)

Salve, o Croce, 
inaugurata per mezzo del corpo di Cristo 
e divenuta adorna delle sue membra, 
come fossero perle preziose. 

Prima che il Signore salisse su di te, 
tu incutevi un timore terreno. 
Ora invece, dotata di un amore celeste, 
sei ricevuta come un dono. 

I credenti sanno, a tuo riguardo, 
quanta gioia tu possiedi, 
quanti regali tu tieni preparati. 

Sicuro dunque e pieno di gioia io vengo a te, 
perché anche tu mi riceva esultante 
come discepolo di colui che fu sospeso a te. 

O Croce beata, 
che ricevesti la maestà e la bellezza 
delle membra del Signore! 

Prendimi e portami lontano dagli uomini 
e rendimi al mio Maestro, 
affinché per mezzo tuo 
mi riceva chi per te mi ha redento. 

Salve, o Croce; 
sì, salve davvero!

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome