Papa Francesco: è tempo di lavorare insieme per ricostruire un patto educativo di fraternità

L'udienza del Papa ai Fratelli delle Scuole Cristiane
L'udienza del Papa ai Fratelli delle Scuole Cristiane
Fraternità e cura della casa comune. Due sfide in un’emergenza educativa che il mondo vive, resa più acuta dalle conseguenze della pandemia. Francesco le indica ai Fratelli delle Scuole Cristiane ricevuti in occasione del 46mo Capitolo Generale sul tema “Costruire nuove strade per trasformare nuove vite”

Un cantiere per costruire nuove strade che conducano ai fratelli, specialmente ai più poveri: percorsi di educazione nelle scuole, nei collegi, nelle università dei circa cento paesi in cui i Fratelli delle Scuole Cristiane sono presenti. Papa Francesco definisce così, nel suo discorso, il Capitolo vissuto in questi giorni dalla Congregazione laicale fondata nel 1682 a Reims da san Giovanni Battista de La Salle.

“Il lavoro  educativo – ricorda loro – è un grande dono prima di tutto per chi lo compie: è un lavoro che chiede molto, ma che da molto”. Forte la denuncia:

È stato rotto il patto educativo. È rotto. Lo Stato, gli educatori e la famiglia sono separati adesso. Dobbiamo cercare un nuovo patto che sia comunicazione e lavorare insieme: questa è un emergenza educativa.

L'udienza del Papa ai Fratelli delle Scuole Cristiane
L’udienza del Papa ai Fratelli delle Scuole Cristiane

Due sfide educative

Lo sguardo del Pontefice si concentra sull’emergenza educativa vissuta oggi a livello globale e resa più acuta dalle conseguenze della pandemia. Ai circa cento partecipanti all’udienza indica quindi due sfide: “fraternità” e “cura della casa comune”.

Voi, fratelli, fate parte di questo cantiere, anzi, siete in prima linea, educando a passare da un mondo chiuso a un mondo aperto; da una cultura dell’usa-e-getta a una cultura della cura; dalla ricerca degli interessi di parte alla ricerca del bene comune. Come educatori voi sapete bene che questa trasformazione deve partire dalle coscienze, oppure sarà solo di facciata.

Alleanza educativa, alla scuola di Cristo

Si tratta di un lavoro che, secondo il Vescovo di Roma, non si svolge da soli, ma in alleanza educativa con famiglie, comunità e aggregazioni laicali, realtà del territorio. Inoltre buoni operai – avverte ancora Francesco – non possono trascurare loro stessi:

L’educatore cristiano, alla scuola di Cristo, è anzitutto testimone, ed è maestro nella misura in cui è testimone. Non ho niente da insegnarvi in questo, ma solo, come fratello, voglio ricordarvelo. E soprattutto prego per voi, perché siate fratelli non solo di nome ma di fatto. E perché le vostre scuole siano cristiane non di nome, ma di fatto.

Il servizio completo, con l’audio di Papa Francesco qui

Sostieni Papaboys 3.0

Informazioni personali

Dettagli di fatturazione

Termini

Totale Donazione: €100.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome