Il Santo di oggi, 22 Maggio 2022: Santa Giulia, protettrice dei malati agli arti. Supplica per invocarla oggi!

Santa Giulia, Martire
Santa Giulia, Martire

Santa Giulia, martire: ecco la sua incredibile vita

Santa Giulia è stata una martire cristiana, venerata come santa dalla Chiesa cattolica che l’ha dichiarata patrona della Corsica e di Livorno.

La vita

Poche le notizie storicamente attendibili della santa; Giulia dovrebbe essere nata intorno al 420 d.C. a Cartagine e morta a Nonza (Corsica) nel 450 d.C.

Ciò che di lei conosciamo ci proviene da una Passio, alquanto tarda, risalente probabilmente al VII secolo d.C., nella quale è narrato il suo martirio e dove il racconto s’intreccia con leggende e pie tradizioni. 

Si narra che la nostra santa fu acquistata da un commerciante, un certo Eusebio, e condotta in Siria. Eusebio, sebbene pagano, teneva però in gran considerazione le doti umane e spirituali di Giulia, essendo lei una schiava dolce, sottomessa e devota, tanto da portarla con sé nei suoi viaggi.

In uno di questi, a causa di un naufragio, la nostra santa giunse in Corsica. Qui tutti i naufraghi, compreso Eusebio, fecero dei sacrifici agli dei, per essere scampati alla morte; tutti, tranne ovviamente Giulia, perchè cristiana.

Il governatore del posto, Felice, uomo violento e crudele, voleva acquistare la bella schiava, ma Eusebio rifiutò la pur allettante proposta, tenendo molto alla donna. Una sera, allora, Felice, approfittando dell’ubriachezza di Eusebio, si fece condurre dinanzi Giulia, offrendole la libertà qualora avesse sacrificato agli dei. La Santa rifiutò con una secca risposta, essendo, del resto, lei già libera servendo Gesù Cristo come non poteva mai esserlo servendo gli idoli pagani.

Santa Giulia, Martire
Santa Giulia, Martire – Gabriel von Max, Dominio pubblico Dominio, via Wikimedia Commons

Felice, indignato, tentò in vari modi di far abiurare la giovane dalla propria fede. Tutti i suoi sforzi, ciononostante, si rivelarono inutili. Per questo, non esitò a ricorrere a violenze, facendola percuotere e flagellare. Da ultimo, ordinò che le fossero strappati i capelli e che, come il Maestro che lei seguiva, fosse crocifissa a due legni in forma di croce, e gettata in mare.

Avvertiti misteriosamente in sogno alcuni monaci della vicina isola di Gorgona di quanto accaduto, questi avvistarono al largo la croce con il corpo della martire ancora inchiodate mani e piedi. Non solo. Attaccato alla croce vi era un cartiglio, scritto da mani angeliche, con il nome e la storia del martirio. Recuperato il corpo e trasportatolo nella loro isola, dopo averlo ripulito ed unto con aromi, lo deposero in un sepolcro. Questa è la storia riportata da la Passio.

Alcuni studiosi ritengono, però, che in verità, Giulia, di origine cartaginese, fosse morta martire in una delle persecuzioni sotto Decio (250 circa d.C.) o Diocleziano (304 d.C.) e che, a seguito dell’invasione dell’Africa da parte dei Vandali di Genserico, di fede ariana, alcuni cristiani fuggirono, portando con loro le reliquie della martire, riparando in Corsica.

Lì la Passio originaria fu arricchita di alcuni particolari che fecero assomigliare sempre più il racconto del supplizio della giovane a quello della Passione del Signore (di qui il riferimento alla flagellazione, alla crocifissione, all’unzione del corpo, ecc.).

Sebbene la martire fosse morta in Corsica e fosse poi approdata presso altri lidi, lei non è stata dimenticata nell’isola francese, di cui è ancora patrona.

Le reliquie

Si ritiene che le reliquie di Santa Giulia furono primariamente custodite a Nonza (luogo della martirio) e poi prelevate, in epoca alto-medievale, dai monaci benedettini di Gorgona. Nel 762, la moglie di Desiderio, l’ultimo re dei Longobardi, volle che le reliquie della santa fossero portate da Gorgona nella città di Brixia, oggi Brescia, e nel 763 d.C. papa Paolo I, secondo alcuni, avrebbe dedicato alla martire una chiesa.

Attualmente, le reliquie della santa riconosciute dalla Chiesa si trovano in tre città: a Nonza, che possiede due vertebre e una parte del cranio, a Livorno, dove sono conservati un dito e pochi frammenti ossei e a Brescia, che è in possesso della gran parte dei resti custoditi nella chiesa parrocchiale del villaggio Prealpino (dedicata alla santa), quartiere alla periferia nord della città.

Nel Palazzo dei Dogi a Venezia si conserva un famoso trittico, Il martirio di Santa Giulia di Corsica, di Hieronymus Bosch.

La devozione alla Santa, umile e fedele imitatrice di Gesù fin nei particolari del supplizio, è legata alle piaghe che l’hanno contraddistinta. Per questo, è invocata nelle patologie delle mani e dei piedi. (Fonte santiebeati.it – Autore: Francesco Patruno)

Preghiera a Santa Giulia

Giulia martire nostra patrona hai vissuto un amore grande e fedele per il tuo Signore; vogliamo spendere le nostre energie più belle nella dedizione di noi stessi a coloro che amiamo per amore di Gesù.

Hai consegnato la tua vita e il tuo giovane corpo al legno della croce per amore di Cristo.

Chiediamo al Signore la grazia di vivere con gioia e libertà interiore in una castità motivata e non repressa.

Hai sopportato con coraggio la violenza ingiusta e crudele dei persecutori senza rispondere con altra violenza Invochiamo il dono dello Spirito che ci renda liberi dalla schiavitù del potere e dal fascino della forza causa di morte e fonte di vendetta e ci insegni il perdono come unico fermento di vera pace. Amen.

Sostieni Papaboys 3.0

Informazioni personali

Dettagli di fatturazione

Termini

Totale Donazione: €100.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome