Papa Francesco all’Angelus: Ascoltate Gesù e portate con voi un Vangelo

bergoglioCITTA’ DEL VATICANO – Ricordando che oggi il Vangelo ci presenta l’evento della trasfigurazione di Gesù sul monte Tabor, Papa Francesco all’Angelus ha esortato a proseguire con fede e generosità l’itinerario della Quaresima imparando, un po’ di più, a “salire” con la preghiera e a “scendere” con carità fraterna per condividere con il popolo di Dio “i tesori di grazia ricevuti”. Queste le parole del Santo Padre:

Oggi il Vangelo ci presenta l’evento della Trasfigurazione. E’ la seconda tappa del cammino quaresimale: la prima, le tentazioni nel deserto; la seconda: la Trasfigurazione. Gesù «prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni suo fratello e li condusse in disparte, su un alto monte» (Mt 17,1). La montagna, nella Bibbia, rappresenta il luogo della vicinanza con Dio e dell’incontro intimo con Lui; il luogo della preghiera, dove stare alla presenza del Signore. Lassù sul monte, Gesù si mostra ai tre discepoli trasfigurato, luminoso, bellissimo; e poi appaiono Mosè ed Elia, che conversano con Lui. Il suo volto è così splendente e le sue vesti così candide, che Pietro ne rimane folgorato, tanto che vorrebbe rimanere lì, quasi fermare quel momento. Subito risuona dall’alto la voce del Padre che proclama Gesù suo Figlio prediletto, dicendo: «Ascoltatelo» (v. 5). È molto importante questo invito del Padre. Noi, discepoli di Gesù, siamo chiamati ad essere persone che ascoltano la sua voce e prendono sul serio le sue parole. Per ascoltare Gesù, bisogna seguirlo, come facevano le folle del Vangelo che lo rincorrevano per le strade della Palestina. Gesù non aveva una cattedra o un pulpito fissi, ma era un maestro itinerante, che proponeva i suoi insegnamenti lungo le strade, percorrendo tragitti non sempre prevedibili e a volte poco agevoli.

Da questo episodio della Trasfigurazione vorrei cogliere due elementi significativi, che sintetizzo in due parole: salita e discesa. Noi abbiamo bisogno di andare in disparte, di salire sulla montagna in uno spazio di silenzio, per ritrovare noi stessi e percepire meglio la voce del Signore. Ma non possiamo rimanere lì! L’incontro con Dio nella preghiera ci spinge nuovamente a “scendere dalla montagna” e ritornare in basso, nella pianura, dove incontriamo tanti fratelli appesantiti da fatiche, malattie ingiustizie, povertà materiale e spirituale. A questi nostri fratelli che sono in difficoltà, siamo chiamati a portare i frutti dell’esperienza che abbiamo fatto con Dio, condividendo con loro i tesori di grazia ricevuti. Ma se non siamo stati con Dio, se il nostro cuore non è consolato, come potremo consolare?

Questa missione riguarda tutta la Chiesa, ed è responsabilità in primo luogo dei Pastori – i vescovi, i sacerdoti – chiamati a immergersi in mezzo alle necessità del Popolo di Dio, avvicinandosi con affetto e tenerezza specialmente ai più deboli e piccoli, agli ultimi. Ma per compiere con gioia e disponibilità quest’opera pastorale, i Vescovi e i sacerdoti hanno bisogno della preghiera dell’intera comunità cristiana. Rivolgiamoci ora alla nostra Madre Maria, e affidiamoci alla sua guida per proseguire con fede e generosità l’itinerario della Quaresima, imparando un po’ di più a “salire” con la preghiera e a “scendere” con la carità fraterna.

Dopo la recita dell’Angelus, Papa Francesco ha salutato fedeli e pellegrini ed esortato a ricordare nella preghiera i passeggeri e l’equipaggio dell’aereo scomparso della Malaysia e i loro familiari. Il Pontefice ha anche ricordato che venerdì prossimo la Comunità Papa Giovanni XXIII, fondata da Don Oreste Benzi, guiderà per le strade del centro di Roma una speciale “Via Crucis” per le donne vittime della tratta. di Radio Vaticana

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome