Pubblicità
HomeTestimoniumOggi, 27 ottobre, ricordiamo il Beato Salvatore: il frate sorridente ucciso a...

Oggi, 27 ottobre, ricordiamo il Beato Salvatore: il frate sorridente ucciso a fucilate. Preghiera per invocarlo e chiedere grazie

Beato Salvatore Mollar Ventura: vita e preghiera

Il beato Salvatore Mollar Ventura è stato un religioso dell’Ordine dei Frati Minori e martire, che, durante la persecuzione contro la fede, come fedele discepolo, nel sangue di Cristo meritò di ottenere la salvezza.

La sua storia

Salvador Mollar Ventura nasce il 27 Marzo 1896 a Manises vicino Valencia, in Spagna; la sua famiglia era povera, umile e semplice, ma onorata e profondamente cristiana: suo padre era un grande lavoratore. 

Già prima di entrare nell’Ordine Francescano egli era assai impegnato nella sua parrocchia: partecipava all’Adorazione Notturna ed era membro della Conferenza di San Vincenzo; la domenica era impegnato nell’insegnamento del catechismo e nel recitare il Rosario insieme ai suoi allievi.

All’età di 25 anni chiese di essere ammesso tra i Frati Minori come frate laico. Vestì dunque l’abito francescano il 20 gennaio 1921 nel convento di Santo Spirito del Monte, presso Gilet-Valencia. Emise poi la professione semplice il 22 gennaio 1922 ed infine la professione solenne il 25 gennaio 1925.

Visse quasi sempre nei conventi di Santo Spirito del Monte e di Benisa, dove esercitò con cura e precisione, insieme con pietà e devozione, l’incarico di sacrestano.

Beato Salvatore Mollar
Beato Salvatore Mollar

Come religioso degno seguace di San Francesco, fra’ Salvador si distinse per l’umiltà, l’obbedienza e lo spirito di sacrificio. Sempre allegro, gioviale ed ottimista, seppe affrontare ogni avversità con rassegnazione, compiendo in tutto la volontà di Dio.

Sua madre diceva di lui: “Io ho una lampada sempre accesa davanti al Santissimo Sacramento: è mio figlio”.

Allo scoppio della guerra civile spagnola, è costretto dagli eventi ad abbandonare il convento di Benisa, rifugiandosi per alcuni giorni in casa di pii benefattori.

Dopodiché, per non compromettere la famiglia amica che lo aveva ospitato, cercò rifugio a Manises dalla sua famiglia.

La morte

Qui il 13 ottobre 1936 fu catturato ed imprigionato nel convento della Madri Carmelitane di Manises, trasformato in carcere.

Viene fucilato in odio alla fede cristiana nella notte tra il 27 ed il 28 ottobre 1936 presso Picadero de Paterna, nei pressi di Valencia. Nel cimitero municipali di quest’ultima trovarono poi riposo i suoi resti mortali.

Salvador Mollar Ventura e tre suoi confratelli appartenenti all’Ordine dei Frati Minori furono beatificati l’11 marzo 2001 da Papa Giovanni Paolo II con un gruppo composto complessivamente di ben 233 martiri della medesima persecuzione.

(Fonte santiebeati.it – Autore: Fabio Ardino)

LEGGI: San Francesco appare nel cielo di Assisi con la tortorella. C’è chi grida al miracolo!

Preghiera al beato Salvatore

Beato Salvatore oggi ti eleggo
a mio speciale patrono:
sostieni in me la Speranza,
confermami nella Fede,
rendimi forte nella Virtù.

Aiutami nella lotta spirituale,
ottienimi da Dio tutte le Grazie
che mi sono più necessarie
ed i meriti per conseguire con te
la Gloria Eterna. Amen.

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
10,158FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Natuzza Evolo anziana

Mamma Natuzza. Quando nacque dissero: ‘Morirà presto, questa bimba è del...

Era il torrido pomeriggio del 23 Agosto 1924: Filomena Maria Angela, una semplice e poverissima donna di Paravati, in Calabria, stava mettendo al mondo...