Nella notte tra il 3 e il 4 ottobre 1226 morì San Francesco

Le ultime ore di vita del poverello d’Assisi: i biscotti, l’ultima cena, la deposizione nudo a terra. I momenti del transito raccontati dal suo biografo

Nella notte tra il 3 e il 4 ottobre 1226 morì San Francesco. Fu un giorno lungo e travagliato per il poverello di Assisi.

morte di san francesco

Le ultime ore della sua esistenza terrena sono raccontate da Padre Enzo Fortunato, giornalista e direttore della Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi, nel suo libro “Francesco il ribelle” (Mondadori).

SAN FRANCESCO E LA MORTE? QUESTIONE DI VITA!

san-fracesco-morte-20141102091917Il Santo di Assisi chiamava ‘sorella’ anche la morte. 

Francesco d’Assisi ha attraversato il mondo come la carezza di Dio all’umanità. Ma proprio lui, che per tutto il corso della vita aveva desiderato e coltivato l’armonia tra gli animi, verobonum commune, nonostante l’amore irriducibile di alcuni frati, muore in una bolgia di dissensi, confusione, paura del nulla che tuttavia solo la fine di una grande personalità può suscitare. Di contro all’affetto degli amici più stretti, l’attitudine al nulla nichilista di molti rimase a vegliare con sora nostra morte assieme al corpo del santo, mentre le sue parole e i suoi pensieri venivano attratti verso l’alto, ad altezze alle quali persino i confratelli, e tutti coloro che lo avevano amato, non potevano aspirare pur addolorandosi e piangendo quello che era appena diventato un ricordo, la fine di un amore terreno.

E così, le memorie sulla vita del santo, per coloro che stettero a lui vicino nel suo ultimo isolamento dopo quel Calvario, la Verna, si raccolsero come rondini al crepuscolo, e nei cuori di tutti quelli che lo amarono l’eco del Salmo iniziò a scandire il tempo come l’attesa delle sentinelle che anela l’aurora (Salmo 129). 

Nella scena della composta venerazione e del compianto dei frati per la perdita di Francesco che, tra il 1325 e il 1328, Giotto dipinse in Santa Croce, a Firenze, una nuova luce prese il sopravvento sulla concezione medievale della morte, come esempio di vita resa straordinaria attraverso un modello concretamente realizzabile. 

La verità è che già la sola bellezza che si cela dietro l’immagine, quella della morte di Francesco, colora di un’atmosfera malinconica e rende quasi dolce il canto soffuso di questa sua “muta” predicazione, riconvertendo la tragedia dell’assenza in una ferita salvifica: le sempre vive e insanabili stimmate che risanano il mondo. Come in un naufragare leopardiano che sovente l’uomo si concede, il testamento morale di Francesco diviene epitaffio contemporaneo nella penna di una poetessa di rara delicatezza, adagiando il patrimonio umano del santo di Assisi nelle braccia di ciò che non muore, la Storia: «…L’uomo non soffre attorno a sé una fine, ma io ho un chiaro disegno di povertà come una veste ardita che mi chiude entro sfere di parole, di parole d’amore che indirizzo agli uccelli, all’acqua, al sole e che mi rendo tutte assai precise, premeditata morte di dolcezza»(San Francesco, Alda Merini).

LA PROFEZIA DI SAN FRANCESCO 

“Poco prima della sua morte, radunati i confratelli, li avvertì delle future tribolazioni dicendo: Andate avanti con coraggio e trovare conforto e sostegno nel Signore. Si affretteranno a venire incontro gravi tempi di tribolazione e di afflizione nei quali dilagheranno oscurità e pericoli sia materialmente che spiritualmente, la carità di molti si raffredderà, e sovrabbonderà l’iniquità dei malvagi.

Sarà slegata più dell’ordinario la potenza dei demoni, sarà deturpata la purezza immacolata del nostro culto e di quello di altri, fino al punto che pochissimi fra i cristiani obbediranno al vero Sommo Pontefice e alla Chiesa romana: un tale, non eletto canonicamente, elevato al Papato nel momento della sua tribolazione, macchinerà di consegnare a molti la morte del suo delirio. Allora si moltiplicheranno gli scandali, la nostra Religione si dividerà, molti saranno da altri del tutto fiaccati tanto che non si opporranno ma si accorderanno con lo sviamento. Saranno le opinioni e gli scismi tanti e tanti nel popolo e nei religiosi e fra gli ecclesiastici che se non fossero abbreviati quei giorni secondo la parola del Vangelo indurrebbero in errore (se fosse possibile) anche gli eletti, se non che essi saranno guidati in così terribile tempesta dall’immensa misericordia di Dio.

La nostra Regola e la nostra vita allora saranno da certuni violentissimamente attaccate. Piomberanno addosso tentazioni potenti. Coloro che allora resisteranno nella prova riceveranno la corona della vita. Guai invece a coloro che diventeranno tiepidi sentendosi sicuri nella sola speranza della religione, non resisteranno con costanza alle tentazioni permesse per provare gli eletti. Quelli che ferventi di carità con vero spirito e zelo per la verità staranno attaccati all’amor di Dio, subiranno persecuzioni e punizioni come fossero disobbedienti e scismatici.

di Francesco Rossi per la Redazione Papaboys

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome