Medjugorje, quelle mamme che soffrono per i figli e la Chiesa in agonia…

Medjugorje, quelle mamme che soffrono per i figli e la Chiesa in agonia…

Dalla newsletter periodica di Suor Emmanuel Maillard della Comunità delle Beatitudini, abbiamo estratto una riflessione profonda ed interessante, che vogliamo proporvi per la lettura.

.

La Chiesa è in agonia. 

Fra di noi ci sono molte mamme. Alcune soffrono per la situazione dei loro figli, quando percorrono un cammino sbagliato. Alcune sono addirittura distrutte dal dolore. Vedo i loro volti devastati dalle preoccupazioni. A quattr’occhi mi confidano piangendo le loro pene e mi domandano di pregare. Un figlio in prigione, una figlia nella droga, un figlio alcolizzato, una figlia che divorzia…

Cosa fa una madre che soffre così? non va in giro a proclamare i torti del suo bambino. Nel suo amore materno, piange e prega. Intercede con tutto il suo cuore ferito e l’amore per il figlio non diminuisce. Che fa la Madre di Dio dinanzi ad alcuni figli prediletti? Quando i sacerdoti non seguono più la strada di suo Figlio e si smarriscono nel peccato? Anzitutto, dobbiamo affermare che esiste una maggioranza di buoni sacerdoti, che fanno tutto quello che è in loro potere per servire il Signore e i fedeli nella maniera migliore possibile.

cristo risorto medjugorje

Di tutti questi, non se ne parla nei media! Per gli altri, per quelli che fanno clamore nelle cattive notizie e negli scandali, Lei piange e prega. E chiede anche ai suoi fedeli e agli “apostoli del suo amore” di fare lo stesso: compatire e pregare insieme a lei. Lei non fa l’elenco dei peccati dei suoi figli, non ne fa degli “scoop” pubblicitari da condividere nelle chiacchierate di salotto. La Chiesa è la sposa di Cristo ed ella ha ricevuto dalla Sua stessa bocca le promesse della vita eterna. Ma esiste la Chiesa ed esistono i servitori della Chiesa. Il santo Cardinal Journet diceva: “La Chiesa è senza peccato, ma non senza peccatori. Non senza peccatori, lo sappiamo bene. E’ senza peccato nel senso che, nonostante l’indegnità dei suoi ministri, mi offre tutti i soccorsi, le grazie di santificazione per la mia eterna salvezza: la messa, i sacramenti, il culto della Vergine Maria e dei santi, il magistero, ecc. E’ questo il motivo per cui mantengo in lei tutta la mia fiducia.”

La Madonna ha detto: “La Chiesa è mio Figlio”.                      

E’ anche scritto che “I redenti.. seguono l’Agnello dovunque vada” (Ap 14, 4). E per quali cose l’Agnello è passato qualche giorno prima di risuscitare dai morti? Durante la sua agonia, Gesù era irriconoscibile, sfigurato. Il suo viso tumefatto era coperto di sangue, di fango, di sputi… non aveva più apparenza né bellezza (Isaia 53,14). Non meravigliamoci se la Chiesa debba assomigliargli e vivere ad immagine del suo Sposo divino.


medjugorje.madonnina

Allora, parlare male della Chiesa e dei suoi servitori, significa girare le spalle a Gesù, è come dirgli : “Come sei brutto Gesù, come sei orrendo Gesù! Non posso neanche guardarti! Ti abbandono perché non ti sopporto più!”.Criticare la Chiesa, è criticare Cristo. Amare la Chiesa è amare Cristo. La mistica francese, la venerabile Marthe Robin, ha profetizzato “Una nuova Pentecoste d’amore” per il mondo. Ma prima della prima Pentecoste, i tempi erano difficili per gli apostoli, loro dovevano nascondersi. Marthe ha detto, già ai suoi tempi (1912 – 1981)

“Stiamo andando verso l’agonia”

Sì, la Chiesa segue l’Agnello…   Maria ci invita ad essere una cosa sola con la sua anima di madre, soprattutto in queste ore difficili, in cui ci sono tante miserie nel seno della Chiesa. Non si tratta di negarle, ma Maria ci invita a soffrire con lei per amore di Gesù nel profondo silenzio della vera compassione. Il suo cuore materno, trafitto da una spada di dolore, come aveva profetizzato il vecchio Simeone, attende la risurrezione. Siamo invitati a piangere in silenzio con lei e ad attendere come lei il momento della vittoria che giunge a grandi passi. Se la Chiesa oggi è in agonia, è un buon segno, significa che la sua restaurazione è vicina!Non è il momento di lasciare la barca che affonda! E’ l’ora della perseveranza dei santi.

Suor Emmanuel + Comunità delle Beatitudini

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome