Home Trending Now Leggi e medita al Vangelo di Sabato 8 Agosto 2020. Lettura e...

Leggi e medita al Vangelo di Sabato 8 Agosto 2020. Lettura e Commento

Vangelo del giorno – Sabato, 8 Luglio 2020

Lettura e commento al Vangelo di Sabato 8 Agosto 2020 – Mt 17,14-20: “Se avrete fede, nulla vi sarà impossibile.”

+ Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, si avvicinò a Gesù un uomo che gli si gettò in ginocchio e disse: «Signore, abbi pietà di mio figlio! È epilettico e soffre molto; cade spesso nel fuoco e sovente nell’acqua. L’ho portato dai tuoi discepoli, ma non sono riusciti a guarirlo».

E Gesù rispose: «O generazione incredula e perversa! Fino a quando sarò con voi? Fino a quando dovrò sopportarvi? Portatelo qui da me».

Gesù lo minacciò e il demonio uscì da lui, e da quel momento il ragazzo fu guarito.

Allora i discepoli si avvicinarono a Gesù, in disparte, e gli chiesero: «Perché noi non siamo riusciti a scacciarlo?».

Ed egli rispose loro: «Per la vostra poca fede. In verità io vi dico: se avrete fede pari a un granello di senape, direte a questo monte: “Spòstati da qui a là”, ed esso si sposterà, e nulla vi sarà impossibile».

Parola del Signore

LEGGI ANCHE: Oggi la Chiesa ricorda San Domenico. Vita e Preghiera

Vangelo di oggi, 8 Agosto 2020
Vangelo di oggi, 8 Agosto 2020

Commento a cura di Novena.it

Come nel testo di ieri, anche in questo, l’evangelista mette in luce la povertà e l’incapacità umana di comprendere il mistero di quell’uomo che pur seguono. Ascoltano le parole autorevoli del Maestro, hanno il privilegio di vedere segni straordinari, lo frequentano da tempo, eppure faticano a dimostrare la loro fede nella quotidianità.

L’occasione è data da una mancata guarigione da parte dei discepoli e il successivo segno compiuto dal Signore. “Per la vostra poca fede”: il Nazareno non evidenzia la mancanza di fede nei loro confronti. Segnala che è poca. Non è ancora sufficiente.

I suoi amici hanno provato a sanare una persona gravemente colpita e dato ascolto ad un padre senz’altro distrutto dal dolore e disperato. Hanno compreso bene, quindi, dall’esempio di Gesù, l’attenzione primaria per i deboli, per gli esclusi, per i malati, per i reietti dalla società dell’epoca. L’insegnamento del Galileo è stato recepito: manca, però, ancora qualcosa.

La vera e completa fede nel Risorto è capace di superare ogni ostacolo e trasformare ogni situazione: lo sperimenteranno Pietro e Paolo capaci, grazie al Figlio di Dio, di sanare malati e ridare vita a chi l’aveva perduta. È la stessa fede di san Domenico di Guzman che, secoli dopo, opererà i medesimi segni per volontà di Dio.

È difficile pensare come la misericordia di Dio si spinga fino rendere possibile tutto questo: siamo una generazione incredula. Non crediamo che il Padre ci ami fino a questo punto e fatichiamo a riconoscere i suoi segni compiuti servendosi, talvolta, anche di noi povere e fragili creature.

Redazione Papaboys

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità

I nostri social

305,091FansLike
19,099FollowersFollow
9,771FollowersFollow
1,990SubscribersSubscribe

News recenti

medaglia_miracolosa-

‘La mia piccolina di 8 mesi è guarita grazie alla Medaglia...

Quando mia figlia era piccolissima, aveva circa 8 mesi, non si sa come, entrò in contatto con un virus e da quel momento è...