Home News Res Publica et Societas La variante inglese provoca focolai in tutta Italia: molte scuole costrette a...

La variante inglese provoca focolai in tutta Italia: molte scuole costrette a chiudere

«Situazione pesante, molto pesante. È partita, la variante inglese è partita… A Milano, a Brescia… Anche qui al Sacco diversi pazienti ricoverati hanno quella variante. C’era da aspettarselo e la Lombardia in giallo non ha aiutato». La variante sta aggirando il vaccino? «Per l’inglese non sembra – replica il professor Galli primario di Malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano- per la brasiliana c’è qualche preoccupazione in più».

E da Perugia, dove la variante brasiliana sta avanzando, un numero anomalo di persone contagiate anche dopo la seconda dose del vaccino non conforta: si parla di 98 positivi malgrado la vaccinazione, ci sono verifiche in corso, mentre un’ordinanza della Protezione civile cerca urgentemente 497 tra medici e infermieri perché si teme lo spettro di una epidemia inarrestabile, anche se già è stata istituita la zona rossa in tutta la provincia di Perugia.

Nuovi sintomi causati dal Coronavirus
Nuovi sintomi causati dal Coronavirus (open.online)

Sui vaccini, però, diversi esperti invitano a non sopravvalutare i dati delle infezioni: è fisiologico che vi sia una quota di contagiati e, soprattutto, ciò che conta davvero è l’efficacia sulla riduzione degli effetti della malattia.

L’avanzata delle varianti ha un altro elemento di forte preoccupazione: sta interessando le scuole.

Già era successo la settimana scorsa in un istituto della periferia est di Roma, 3 casi di varianti inglese per fortuna già circoscritti. Ieri in Lombardia nuovo allarme a Bollate: la variante inglese è emersa in diversi dei 59 tamponi positivi (45 alunni e 14 insegnanti e operatori) rilevati in due scuole, materna ed elementare. Scendiamo più a Sud: la presidente dell’Umbria, Donatella Tesei, nei giorni scorsi ha parlato di anomala «diffusione del contagio fra giovani e giovanissimi, con 90 classi della scuola primaria e 34 della scuola d’infanzia già in isolamento». A Napoli, dopo che sono ricominciate le lezioni, è stato registrato un incremento del 37 per cento dei contagi tra i 6 e i 18 anni. E ieri l’unità di crisi regionale ha confermato che la diffusione del coronavirus «nelle fasce d’età anche riconducibili alla popolazione scolastica» è «in preoccupante aumento».

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,988FansLike
20,877FollowersFollow
9,829FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

La rubrica dedicata al caro Padre Pio da Pietrelcina

I consigli spirituali di Padre Pio per oggi, 2 Marzo 2021:...

La rubrica dedicata al caro Padre Pio da Pietrelcina Leggi le frasi e una storia legata al frate mistico più amato nel mondo: Padre Pio Le...