Home Testimonium Il Santo di oggi 8 Gennaio: San Lorenzo Giustiniani, Vescovo. Vita e...

Il Santo di oggi 8 Gennaio: San Lorenzo Giustiniani, Vescovo. Vita e Preghiera

Oggi si ricorda San Lorenzo Giustiniani, Vescovo

Lorenzo Giustiniani è stato un patriarca cattolico italiano, il primo a portare il titolo di patriarca di Venezia; nel 1690 è stato proclamato santo da papa Alessandro VIII.

LEGGI: Piccola pastorella ti chiedo un grazia.. Ecco la supplica a Santa Bernadette

La vita

Lorenzo Giustiniani nasce il 1 Luglio 1380 a Venezia da una nobile famiglia. A undici anni ebbe un episodio mistico come narra nel Fasciculus amoris, gli apparve una giovane e splendida fanciulla che gli si offrì come sposa. Richiesta del suo nome, ella rispose: “Sapienza di Dio”.

Quando la madre volle trovargli moglie, Lorenzo fuggì di casa. Nel 1402, a 21 anni, si portò nell’isola di San Giorgio in Alga, dove da poco tempo si raccoglievano alcuni giovani ecclesiastici, nobili veneziani, per dedicarsi alla preghiera e alla penitenza.

Un amico che si era recato nel convento per persuaderlo a far ritorno in famiglia, decise invece di seguirne immediatamente l’esempio, facendosi frate.

Lorenzo, vestito dell’umile saio del frate mendicante, andava di porta in porta a fare la questua. Un figlio accattone non è un bel vedere per la nobile famiglia Giustiniani, ornamento della Serenissima.

Guarda un video sulla fede:

Per iscriverti gratuitamente al canale You Tube della redazionehttps://bit.ly/2XxvSRx ricordati di mettere il tuo ‘like’ al video, condividerlo con gli amici ed attivare le notifiche per essere aggiornato in tempo reale sulle prossime pubblicazioni.

Non dimenticare di iscriverti al canale (è gratuito) ed attivare le notifiche

Lui, Lorenzo, arriva a mendicare fin sotto casa, la madre (vedova), una piissima-donna, soffriva al pensiero che la gente potesse riconoscere suo figlio sotto quelle vesti, e per affrettarne il ritorno in convento mandava i domestici a riempire di pani la sua bisaccia, purché si togliesse di lì. Lui accetta soltanto due pani, ringrazia e continua.

Il confratello che lo accompagnava avrebbe voluto evitare le porte dalle quali provenivano solo insulti, ma Lorenzo era categorico:

«Non abbiamo rinunciato al mondo soltanto a parole. Andiamo a riceverci anche il disprezzo!».

Il suo scopo non è l’“opera buona” in sé, è addirittura, la rigenerazione della Chiesa attraverso la riforma personale di chierici e laici. 

Diventa sacerdote

Diventa sacerdote nel 1407, due anni dopo è già priore della comunità di San Giorgio in Alga. Lorenzo ha scarse doti di oratore, ma “predica” con molta efficacia, da un lato, continuando a girare con saio e bisaccia; e, dall’altro, scrivendo instancabilmente.

Scrive trattati teologici e opuscoletti popolari per i dotti e per gli ignoranti, offrendo a tutti una guida alla riforma personale nel credere e nel praticare.

Spinge i fedeli a recuperare il senso di comunione con tutta la Chiesa, anima la fiducia nella misericordia di Dio piuttosto che il timore per la sua giustizia.

San Lorenzo Giustiniani, Vescovo
San Lorenzo Giustiniani, Vescovo

Nominato vescovo

Nel 1433 arriva la nomina a vescovo, sebbene egli cerchi di evitarla, aiutato dai confratelli di San Giorgio in Alga. Papa Eugenio IV, Gabriele Condulmer, che conosceva benissimo Lorenzo non dà retta ai suoi pretesti di stanchezza e di incapacità, convincendolo ad accettare la nuova carica.

Diventa vescovo “di Castello”, dal nome della sua residenza, che è un’isoletta lagunare fortificata, l’antica Olivolo. Nel 1451, poi, Niccolò V sopprime quello che resta del patriarcato di Grado, e dà a Lorenzo Giustiniani il titolo di patriarca di Venezia: il primo.

Vengono i tempi duri della lotta contro i Turchi. Nonostante questo, Lorenzo Giustiniani va avanti con rigore nell’opera di riforma. Trova nemici in Senato, altre volte fra i preti ma affascina i veneziani che già lo vedono come santo.

La morte

Muore l’8 Gennaio 1456 e viene canonizzato, nel 1690, da papa Alessandro VIII (il veneziano Piero Ottoboni), ma la pubblicazione ufficiale si avrà soltanto con papa Benedetto XIII nel 1727. (Fonte santiebeati.it – Autore: Domenico Agasso)

Preghiera a San Lorenzo Giustiniani

O Dio, principio di tutte le cose, che ci doni la gioia di celebrare il glorioso ricordo di San Lorenzo Giustiniani primo patriarca di Venezia, guarda la nostra Chiesa che egli guidò con la parola e con l’esempio; e, per sua intercessione, fa’ che sperimentiamo la dolcezza del tuo amore. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con Te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

306,045FansLike
20,431FollowersFollow
9,829FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Preghiera per chiedere una grazia alla Madonna di Lourdes

Chiedi una grazia che ti sta a cuore alla Madonna di...

Preghiera alla Vergine di Lourdes per ottenere una grazia Due bellissime orazioni per invocare la Madonnina di Lourdes oggi, 27 Gennaio 2021 Supplica alla Madonna di...