Il Santo di oggi 27 Marzo 2019 San Ruperto, Vescovo

San Ruperto, vescovo, che, abitando dapprima a Worms, su richiesta del duca Teodone giunse in Baviera e costruì a Salisburgo una chiesa e un monastero, che governò come vescovo e abate, divulgando da lì la fede cristiana.

San Ruperto

Patronato: Salisburgo

Emblema: Bastone pastorale, Sale

Salisburgo, la bella città austriaca la cui fama è collegata con quella del suo figlio più illustre, Wolfgang Amadeus Mozart, trae il suo nome dalle vicine ricche miniere di salgemma: esso significa infatti “città del sale”. Anche il suo primo vescovo e principale patrono, San Ruperto, viene rappresentato con una saliera in mano (o con un barile, ricolmo appunto di sale e non di vino, come pensa qualche studioso non ben informato). Egli è l’unico santo locale festeggiato, oltre che nelle zone di lingua tedesca, anche nell’Irlanda: in realtà, fu anch’egli un tipico rappresentante dei ” monaci irlandesi” itineranti.

La vita

San Ruperto discendeva dai Robertini o Rupertini, un’importante famiglia che dominava col titolo di conte nella regione del medio e alto Reno. Da questa famiglia nacque anche un altro San Ruperto (o Roberto), di Bingen, la cui vita venne scritta da S. Ildegarda. I Robertini erano imparentati con i Carolingi e centro della loro attività era Worms.

Qui San Ruperto ricevette la sua formazione di stampo monastico irlandese. Verso il 700, come i suoi maestri, si sentì spinto alla predicazione e alla testimonianza monastica itinerante e si recò perciò in Baviera. Ottenendo buoni risultati a Regensburg e Lorch.

San Ruperto

Appoggiato dal conte Theodo di Baviera, sul lago Waller, 10 km a nord-est di Salisburgo, là dove ora è Seekirchen, fondò una chiesa, dedicata a San Pietro. Ma il luogo non appariva adatto ai progetti di San Ruperto che chiese al conte un altro territorio sul fiume Salzach, nei pressi dell’antica e cadente città romana di Juvavum. Il monastero che vi costruì, dedicandolo a San Pietro, è il più antico di tutta l’Austria e insieme il nucleo della nuova Salisburgo.

Il suo sviluppo fu opera anche di dodici collaboratori che Ruperto fece venire dalla sua terra d’origine. Tra essi Cunialdo e Gislero, onorati come santi. Non lontano dal monastero di San Pietro, sorse pure un monastero femminile. Affidato alla direzione dell’abbadessa Erentrude, nipote di Ruperto.

Fu questo manipolo di coraggiosi che fece sorgere la nuova Salisburgo, che a giusto titolo riconosce in Ruperto il proprio ri-fondatore: “La sua figura mostra come una personalità piena di forza e di sensibilità, affondando le radici nelle profondità dello spirito cristiano, è in grado di impedire con intelligenza e senza limiti geografici qualsiasi decadimento sia interiore che esterno” (J. Henning).

La morte e il culto

San Ruperto morì il giorno di Pasqua, e cioè il 27 marzo del 718. Le sue reliquie vengono conservate nella magnifica cattedrale di Salisburgo edificata nel sec. XVII.

Autore: Piero Bargellini

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €15.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome