Home News Musicae et Ars Francesca, a 4 anni è una bellissima e tenera modella con un...

Francesca, a 4 anni è una bellissima e tenera modella con un cromosoma in più

Pubblicità
Francesca, la bimba di 4 anni modella con sindrome di Down

In un mondo in continua evoluzione e cambiamento, siamo contenti di comunicarvi che sta cambiando anche lo stereotipo di bellezza.

Vi raccontiamo con immensa felicità la storia di Francesca, una bambina affetta da Sindrome di Down che è diventata modella e ha vinto molti concorsi di bellezza.

Pubblicità

La sua dolcezza e personalità conquistano, in ogni sfilata, i cuori dei giudici e non solo.

Come ci ha portato a riflettere Paolo Ruffini in Up & Down, la vita delle persone affette da questa sindrome, non è mai in modalità DOWN ( resta solo il nome ), ma è sempre in modalità UP.

La storia di Francesca

Pubblicità

Francesca è una bambina di 4 anni affetta da Sindrome di Down che ama sfilare in passerella e che lì, su quella passerella, si trova a suo agio.

Ama anche ballare dice mamma Michelle.

La donna infatti parla cosi della sua bambina : “Francesca fa la modella da quando era molto giovane. Adora sfilare ed è stata la prima bambina a Malta a prendere parte a una competizione di modelle e ha vinto la top model junior. – continua – Mi sento molto emozionato guardarla perché vedo la felicità nei suoi occhi. È fuori dal mondo”.

La mamma ha sempre sostenuto la figlia sin dall’inizio con passione e amorevolezza.

Sostiene infatti con fermezza che la sua piccola Francesca si può esibire come qualsiasi altro bambino.

Francesca, la bimba di 4 anni modella con sindrome di Down

Spera che la sua carriera possa sensibilizzare le persone sulla Sindrome di Down, lo fa anche attraverso la pagina Instagram che lei stessa gretisce e sulla quale racconta i progressi della bambina.

La piccola, nella sua breve ma intensa carriera da modella, è stata anche la prima ragazza con sindrome di Down a Malta a partecipare a una competizione di modelle e ha vinto la top model junior.

L’evento di Malta

A novembre 2019, a Malta, si è tenuto un evento benefico dove molte ragazze con la Sindrome di Down hanno sfilato.

La sfilata ha visto come protagoniste una ventina di modelle, tra i 4 ed i 24 anni.

L’obiettivo di questo evento, promosso da Tiziana Randis, è quello di incoraggiare l’inclusione delle persone con disabilità.

L’organizzatrice in merito alla sfilata ha rilasciato la seguente dichiarazione: “La disabilità non è un limite , al contrario, la vediamo e viviamo come una risorsa e una ricchezza da condividere”.

Il nome della piccola Francesca è tra quello delle modelle.

Anche se ha solo 4 anni, la bimba ha sfilato con sicurezza e molta tenerezza.

La sfilata di Francesca è stata accompagnata da Madeline Stuart, la prima modella al mondo con sindrome di Down.

Francesca e Madeline Stuart

Le due si sono strette in un tenero abbraccio.

Sono tante le persone con la Sindrome di Down che negli anni hanno preso parte a campagne di grandi marchi come ad esempio Tommy Hilfiger e Zara.

Francesca inoltre ha anche partecipato ad un concorso prima di Natale e lo ha vinto.

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,915FansLike
17,749FollowersFollow
9,745FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

La rubrica dedicata a Giovanni Paolo II, 6 Luglio 2020

Le frasi più belle di Giovanni Paolo II: il Papa indimenticabile....

La rubrica dedicata a San Giovanni Paolo II Pensieri e parole del Santo Padre per te ogni mattina... LE FRASI DA LEGGERE OGGI "Non “lasciatevi vivere”, ma...