Pubblicità
HomeNewsCorpus et SalusBuone notizie per Vincent Lambert: nessuna eutanasia!

Buone notizie per Vincent Lambert: nessuna eutanasia!

Vincent non è in fin di vita, respira autonomamente... ma una sentenza europea autorizza l’interruzione dei trattamentiRicordate il caso di Vincent Lambert, il trentanovenne francese vittima di un grave incidente, per il quale la  Corte europea dei diritti umani di Strasburgo che ha autorizzato l’interruzione dei trattamenti?

(Qui l’articolo del 5 giugno 2015: Eutanasia per Vincent, il sì di Strasburgo. E’ uno scandalo, ci batteremo ancora)

Oggi vi diamo una buona notizia: Nessuna eutanasia! È questa la decisione presa dall’équipe medica dell’ospedale di Reims e comunicata questo pomeriggio ai familiari.

Dopo il via libera della Corte europea di Strasburgo alla possibilità dell’eutanasia, l’équipe guidata dalla dottoressa Daniela Simon aveva avviato il 15 luglio una procedura collegiale per stabilire se interrompere idratazione e alimentazione. Il caso è al centro di un’aspra battaglia giudiziaria tra la moglie di Vincent, che ne vorrebbe l’eutanasia, e i genitori che lo accudiscono senza riserve.

Dopo un grave incidente automobilistico, Lambert ha subito danni irreversibili al cervello, ma nonostante questo non è attaccato ad alcun macchinario, respira autonomamente e risponde agli stimoli: la sua è una condizione di gravissima disabilità, non di fine vita. Per dimostrarlo i suoi genitori hanno diffuso un video dove si vede Vincent che, per quanto gli è possibile, interagisce con chi gli sta intorno e hanno messo a disposizione perizie mediche che dimostrano come abbia ricominciato a deglutire da solo, dando segni di miglioramento. Perfino il neurologo Olivier Lyon-Caen, consigliere del presidente François Hollande, è convinto che in virtù di questi progressi Vincent debba essere sottoposto a nuove indagini mediche per deciderne il trasferimento in una delle numerose strutture che si sono offerte di accoglierlo.

Di diverso parere la Corte europea dei diritti dell’uomo, che il 5 giugno con una sentenza molto discussa ha autorizzato i medici dell’ospedale a interrompere i sostegni vitali e si è rifiutata di riesaminare il caso in quanto non vi sarebbero «novità sostanziali».

«Vincent non subisce alcun accanimento terapeutico e non è per nulla in fin di vita. Ha un pesante handicap, come tanti altri pazienti». Se potesse, Viviane Lambert, 70 anni (intervistata da Avvenire nell’edizione di giovedì 11 giugno), lo griderebbe al mondo intero.

Perché è in gioco la vita di suo figlio, Vincent Lambert, 39 anni, ricoverato da 7 a Reims in uno stato di coscienza minima dopo un incidente che l’ha reso tetraplegico. Il caso continua a dividere la Francia, tanto più dopo la sentenza-choc di venerdì scorso della Corte europea dei diritti umani (Cedu), che considera non illegale la richiesta degli ex medici di Vincent di arrestare l’alimentazione e idratazione assicurati da un sondino gastrico.

Nei giorni scorsi, grazie a un breve video diffuso su Internet dal «Comitato Vincent Lambert», i francesi hanno potuto constatare che il paziente respira autonomamente, chiude le palpebre, deglutisce. Ci sono nuove polemiche, con un ricorso già presentato all’Authority francese dell’audiovisivo per oscurare il video. Ve ne proponiamo le immagini.

Signora Lambert, lei ha dichiarato che la «battaglia continuerà». In che modo?
Siamo choccati e delusi per la decisione della Corte, che equivale a un abbandono dei pazienti più vulnerabili. È gravissimo per Vincent, come per tutti coloro che portano un pesante handicap come il suo. Così si spalanca la porta all’eutanasia. Ma non gettiamo la spugna. Il medico che aveva avviato la fine dell’alimentazione ha lasciato l’Ospedale universitario di Reims. Ogni decisione tocca adesso ad altri. Nulla è obbligatorio, chiediamo che Vincent sia trasferito in un centro specializzato vicino a Strasburgo. Da tre anni non riceve più sedute di kinesiterapia e non gode neppure di una poltrona adatta. In caso contrario, attaccheremo chi avvierà decisioni simili a quelle passate. Per ora, attendiamo notizie dagli avvocati dell’ospedale.

In questo clima i medici potranno prendere decisioni ponderate? Lo spero, anche se nessuna decisione medica collegiale potrà essere serena, perché si tratta ormai di un caso politico.

Nella sua famiglia, divisa tra chi vuole salvare Vincent e chi lo vorrebbe veder morire, come la moglie, può rinascere il dialogo? Con mio marito siamo sostenuti da due figli, ma siamo stati colti tutti di sorpresa. A parte la moglie di Vincent, nessuno era stato informato della prima procedura di cessazione dell’alimentazione avviata dall’ospedale. È stata una bomba che ha scavato fossati. Prima le relazioni erano eccellenti, ma un’ondata di violenza intollerabile ci ha travolti. Siamo stati traditi.

Si sente confortata da chi difende la vita di Vincent? 
Sì, perché non siamo più soli. Ci sostengono diverse commissioni di etica o associazioni come Alliance Vita o quella dei traumatizzati cranici. Abbiamo ricevuto pure il sostegno dell’Arcivescovo di Reims, monsignor Thierry Jordan.

C’è chi dice che Vincent rappresenta “un caso particolare”… 
In Francia ci sono 1.700 persone in una situazione come la sua, talora accolte in casa dai genitori. Ma lo si è voluto nascondere. 

Prenderebbe suo figlio in casa?
Certamente, anche domani, magari già per l’estate. Ma i medici ritengono più saggio trasferirlo in una struttura di fiducia. Nel settembre 2012 c’era un accordo per un breve ritorno a casa. Ci avevano detto: «Per il tragitto, non servono ambulanze».

A cura di Redazione Papaboys fonte: Avvenire

Sostieni Papaboys 3.0

0
Dettagli Fatturazione

1 COMMENTO

  1. Questa decisione da parte dei medici equivale ad una condanna a morte!…Nessuno può provocare l’eutanasia ad un essere umano, esclusi i casi in cui sia il paziente stesso a farne richiesta, anche se testamentaria.

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

306,126FansLike
20,918FollowersFollow
9,931FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

Suor Anna Maria del Sacro Cuore

Suor Anna Maria del Sacro Cuore è stata vaccinata a 101...

++ Suor Anna Maria del Sacro Cuore è stata vaccinata ++ La storia di Suor Anna Maria è un dono del Signore: un miracolo... Suor Anna...