Home News Musicae et Ars Biennale Arte Venezia. Card. Ravasi: arte e fede sorelle

Biennale Arte Venezia. Card. Ravasi: arte e fede sorelle

Biennale Arte Venezia. Card. Ravasi: arte e fede sorellePer la seconda volta la Santa Sede si presenta alla Biennale d’arte di Venezia. Tre gli artisti selezionati provenienti da Africa, America Latina ed Europa: si cimenteranno sul tema “In Principio, la parola si fece carne”. Questa mattina la presentazione del padiglione della Santa Sede nella Sala Stampa vaticana. L’ha seguita Paolo Ondarza per la Radio Vaticana:

Dalla Genesi al prologo del Vangelo di Giovanni, il tema del Padiglione della Santa Sede alla 56.ma Biennale d’Arte di Venezia attraversa la Bibbia stimolando i tre artisti selezionati: differenze generazionali e di linguaggio a confronto sulla doppia dimensione trascendente-immanente. L’installazione della colombiana Monica Bravo ispirata all’essenzialità della natura, della geometria e della Scrittura; la suggestiva tenda di tessuto della macedone Elpida Hadzi Vasileva e la fotografia, poetica, mai giornalistica, di Mario Macilau del Mozambico sul tema dei ragazzi di strada. La Chiesa crede nel fecondo rapporto arte fede frantumato nel secolo scorso come ribadisce il cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura e commissario del Padiglione della Santa Sede:

“Purtroppo, questo dialogo su arte e fede – sorelle tra di loro, profondamente unite – questo dialogo – come ben si sa – è stato per certi versi un po’ frantumato nel secolo scorso. E il nostro desiderio è proprio quello di riuscire a ritesserlo, in maniera particolare  attraverso questa espressione che è l’espressione dell’arte. E il mio desiderio – e lo facciamo, anche se in maniera più nascosta – è quello di ritesserlo anche per altre arti, come per esempio la musica”. A mio avviso questo impegno non è un impegno da principi rinascimentali, come erano i cardinali di allora, ma è un impegno – direi – dei nostri tempi, anche del Pontificato di Papa Francesco. Io continuo, infatti, ad affermare che la bellezza deve essere data pure ai poveri, non soltanto il cibo. C’è quel bel proverbio indiano che dice: ‘Se tu hai due pani, uno lo dai al povero, l’altro lo vendi e acquisti un fiore di giacinto e lo dai al povero’. Il povero, cioè, ha il diritto non solo di avere il pane, ma anche di avere la bellezza”.

Andare oltre la realtà è elemento comune per arte e fede. Stretto il rapporto tra artista e creazione, evidenzia  Paolo Baratta, presidente della Biennale:

“C’è un conflitto permanente dell’artista tra ciò che ‘ti ditta dentro’ e  il linguaggio che devi usare per trasmetterlo e per comunicarlo. Questo è il logos del conflitto dell’artista”.

400mila euro i costi del padiglione sostenuti dagli sponsor nella convinzione che riflettere sulla cultura vuol dire investire nel futuro. La curatrice del padiglione Micol Forti:

“Se questa Biennale in qualche modo agevolerà ad aprire il nostro vedere, ad aprire la nostra e la vostra curiosità, a dilatare gli orizzonti, ne sarà valsa la pena”.

Un account twitter e una app consentiranno di essere in contatto con la biennale anche tramite pc, tablet e smartphone.

A cura di Redazione Papaboys fonte: Radio Vaticana

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità

I nostri social

9,905FansLike
18,956FollowersFollow
9,769FollowersFollow
0SubscribersSubscribe

News recenti

angelus

Papa Francesco: ‘Dio vuole che nessuno sia escluso dal suo disegno...

Dio agisce così anche oggi: continua a chiamare chiunque, a qualsiasi ora, per invitare a lavorare nel suo Regno. Questo è lo stile di...