Adesso chierichetti da Papa Francesco. Ieri nella droga. Vite da risorti!

papa_san_patrignano_messa - CopiaUna testimonianza del passaggio di Gesù nel cuore delle persone. E’ possibile in ciascuno di noi, basta aprire un po’ le porte e lasciare entrare il Signore. Lui cambia, rinnova, irrompe e mette sangue di Amore. Gesù è risorto, e fa risorgere coloro che a Lui si affidano. Voglio proporvi la storia che racconta il sito dell’Osservatorio Droga italiano, è proprio da leggere, perché nella speranza di ogni giorno, qui la vita si fa piena e ricca di Dio.

Adesso sono i ‘chierichetti di Papa Francesco’… in realtà un pò cresciuti nell’età, ma tornati bambini nel cuore, dopo un passato fatto di emarginazione e tossicodipendenza. (Se non ritornerete come bambini, non entrerete mai…., ricordate?) Protagonisti di questo eccezionale avvenimento due ragazzi di San Patrignano, ex tossicodipendenti, che grazie all’aiuto della comunità sono riusciti a rialzarsi. Si tratta di Marco Freti, oggi educatore, e di Pierluigi Virili, che alcune mattine orsono – assieme ad altre due ragazze in percorso, Giulia Valdisserri e Giovanna Pistoletto, hanno preso parte alla Santa Messa nella Domus Santa Marta, celebrata dal Papa.

Papa Francesco lo aveva detto solo venerdì scorso: «L’esempio di tanti giovani che, desiderosi di sottrarsi alla dipendenza dalla droga, si impegnano a ricostruire la loro vita, è uno stimolo a guardare in avanti con fiducia».

Non appena entrati in Santa Marta – racconta il sito che ha diffuso la notizia – i due ragazzi sono stati chiamati a servire il Pontefice. «E’ stato un momento incredibile quando ci hanno chiesto di assistere Papa Francesco nella funzione – racconta emozionato Pierluigi – Tutto mi potevo aspettare tranne che potermi davvero mettere a sua disposizione, versandogli l’acqua sulle mani. Ho vissuto in apnea l’intera funzione». Durante l’omelia della Santa Messa, Papa Francesco, dopo la lettura del passo del Vangelo sulla pagliuzza e la trave nell’occhio, ha trattato il tema del giudizio sottolineando che “La persona che giudica sbaglia, si confonde e diventa sconfitta”, perché “prende il posto di Dio, che è l’unico giudice”. «E’ quanto cerchiamo di fare ogni giorno con i ragazzi che accogliamo in comunità – spiega Marco Freti – Poco ci interessa del perché arrivano da noi. Tutti hanno una storia pesante alle spalle, ma noi con convinzione, forza e umiltà li aiutiamo a guardare con fiducia al futuro, essendo noi stessi per loro la prova concreta che dalla tossicodipendenza se ne può uscire». Al termine della funzione Papa Francesco ha avvicinato i quattro ragazzi di San Patrignano: «Ho provato ad inginocchiarmi, ma me lo ha impedito – ricorda con un sorriso Marco – Lo abbiamo ringraziato per le parole che ha recentemente espresso in merito al problema droga. In tutta risposta ci ha detto di pregare per lui e che facciamo tutti parte della stessa famiglia. Un’esperienza che difficilmente potremo dimenticare».

Vivere da risorti: è possibile. Basta incontrare Colui che ha fatto rotolare la pietra dal sepolcro. E vive nel mondo di oggi. E per sempre vivrà. di Daniele Venturi

.

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome