Vi offro un piccolo bocciolo di rosa. Sta per finire il mese del Rosario. Leggi bene e non dimenticare

A voi bambini, offro un bel bocciolo di rosa. E’, uno dei piccoli grani della vostra corona che a voi sembra una cosa da poco. E invece quant’è prezioso questo grano! quanto è ammirabile questo bocciolo! e come si aprirà interamente se recitate con devozione l’Ave Maria! Consigliarvi di recitare un rosario tutti i giorni sarebbe domandarvi l’impossibile; ma almeno dite con molta attenzione e ogni giorno la corona di cinque decine che e come una ghirlanda di rose che ponete in capo a Gesù e a Maria.

Papa Francesco Rosario

Datemi retta. Ed ora ascoltate questa bella storia e non dimenticatela.
[8] Due sorelline stavano sull’uscio di casa a recitare devotamente il rosario, quando apparve una bella Signora che avvicinatasi alla più piccola, di circa sette anni, la prese per mano e la condusse con sé. La sorella maggiore, meravigliata, ne va alla ricerca, non la trova e rientra piangente in casa per avvertire che hanno rapito la sorella. Il papà e la mamma la cercano inutilmente per tre giorni, fin che alla sera del terzo giorno la trovano sulla soglia di casa. Era lieta in volto e festosa. Le chiedono da dove venga ed ella risponde che la Signora, alla quale diceva il suo Rosario, l’aveva condotta in un bel luogo, le aveva dato cose buone da mangiare e le aveva deposto sulle braccia un grazioso bambino, al quale lei aveva dato tanti baci. I genitori, da poco convertiti alla fede, chiamano il padre gesuita che li aveva istruiti nella fede e nella devozione al Rosario e gli raccontano l’accaduto. Da lui stesso abbiamo appreso questo fatto avvenuto nel Paraguay (ANTOINE BOISSIEU, S.J., Le chrétien prédestiné par la dévotion à la Ste Vierge, p. 752; QN, pp. 189-190).




Bambini, imitate le due sorelline; come loro recitate ogni giorno il Rosario e meriterete di andare in paradiso, di vedere Gesù e Maria, se non proprio in questa vita, certo dopo la morte per tutta l’eternità. Così sia.
Che i sapienti e gli ignoranti, i giusti e i peccatori, i grandi e i piccoli lodino, dunque, e salutino giorno e notte Gesù e Maria col santo Rosario. “Salutate Maria che ha faticato molto per voi”(Cf Rm 16,6).

San Luigi M. Grignon de Monfort




Redazione Papaboys (Fonte Diffusione della Parola di Dio)

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €15.00

1 COMMENTO

  1. Rezar é falar com Deus, nosso Pai que está no céu.
    O mundo precisa muito de oração, precisa que todos nós rezemos o Rosário, por todos aqueles que se acomodam e colocam a oração para segundo ou terceiro plano, quando devíamos fazer o contrário. Que Deus amoleça os corações mais duros, pois a nossa sociedade está muito malandra no que diz respeito a rezar, a partilhar. Amém.

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome