Vi offro un piccolo bocciolo di rosa. Sta per finire il mese del Rosario. Leggi bene e non dimenticare

A voi bambini, offro un bel bocciolo di rosa. E’, uno dei piccoli grani della vostra corona che a voi sembra una cosa da poco. E invece quant’è prezioso questo grano! quanto è ammirabile questo bocciolo! e come si aprirà interamente se recitate con devozione l’Ave Maria! Consigliarvi di recitare un rosario tutti i giorni sarebbe domandarvi l’impossibile; ma almeno dite con molta attenzione e ogni giorno la corona di cinque decine che e come una ghirlanda di rose che ponete in capo a Gesù e a Maria.

Papa Francesco Rosario

Datemi retta. Ed ora ascoltate questa bella storia e non dimenticatela.
[8] Due sorelline stavano sull’uscio di casa a recitare devotamente il rosario, quando apparve una bella Signora che avvicinatasi alla più piccola, di circa sette anni, la prese per mano e la condusse con sé. La sorella maggiore, meravigliata, ne va alla ricerca, non la trova e rientra piangente in casa per avvertire che hanno rapito la sorella. Il papà e la mamma la cercano inutilmente per tre giorni, fin che alla sera del terzo giorno la trovano sulla soglia di casa. Era lieta in volto e festosa. Le chiedono da dove venga ed ella risponde che la Signora, alla quale diceva il suo Rosario, l’aveva condotta in un bel luogo, le aveva dato cose buone da mangiare e le aveva deposto sulle braccia un grazioso bambino, al quale lei aveva dato tanti baci. I genitori, da poco convertiti alla fede, chiamano il padre gesuita che li aveva istruiti nella fede e nella devozione al Rosario e gli raccontano l’accaduto. Da lui stesso abbiamo appreso questo fatto avvenuto nel Paraguay (ANTOINE BOISSIEU, S.J., Le chrétien prédestiné par la dévotion à la Ste Vierge, p. 752; QN, pp. 189-190).




Bambini, imitate le due sorelline; come loro recitate ogni giorno il Rosario e meriterete di andare in paradiso, di vedere Gesù e Maria, se non proprio in questa vita, certo dopo la morte per tutta l’eternità. Così sia.
Che i sapienti e gli ignoranti, i giusti e i peccatori, i grandi e i piccoli lodino, dunque, e salutino giorno e notte Gesù e Maria col santo Rosario. “Salutate Maria che ha faticato molto per voi”(Cf Rm 16,6).

San Luigi M. Grignon de Monfort




Redazione Papaboys (Fonte Diffusione della Parola di Dio)

1 COMMENTO

  1. Rezar é falar com Deus, nosso Pai que está no céu.
    O mundo precisa muito de oração, precisa que todos nós rezemos o Rosário, por todos aqueles que se acomodam e colocam a oração para segundo ou terceiro plano, quando devíamos fazer o contrário. Que Deus amoleça os corações mais duros, pois a nossa sociedade está muito malandra no que diz respeito a rezar, a partilhar. Amém.

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome