Home Diocesis PAPABOYS LIGURIA Vescovi Liguri. Profughi, tenere aperto il cuore dell'accoglienza

Vescovi Liguri. Profughi, tenere aperto il cuore dell’accoglienza

Pubblicità

vescovi-liguri_74269-300x193LIGURIA –  “Anche alla nostra terra è richiesto di accogliere un numero crescente di donne, uomini e minori che sbarcano sulle coste del Paese, visto come ‘porta d’Europa’, da loro sognato come rifugio e speranza”. Lo scrivono i vescovi delle diocesi liguri, che sentono il “dovere” di rivolgersi ai fedeli, e a tutte le persone di buona volontà della Regione, in merito alla situazione che si è creata a seguito dell’onda migratoria dall’Africa e dal Medio Oriente. Anche la Liguria, come il resto d’Italia, è, infatti, fortemente interessata dall’arrivo di molti profughi. “La Liguria è terra di confine, e alcune zone vivono particolari esperienze di passaggio verso altre Nazioni europee, passaggi resi difficoltosi o, addirittura, impediti”, sottolineano i vescovi che fanno “decisamente” loro “gli inviti all’accoglienza che ripetutamente Papa Francesco rivolge. Sono dettati dal più autentico spirito evangelico”. “Chiediamo ai fedeli delle nostre Chiese, ai fratelli cristiani e a tutti – chiariscono i presuli -, di tenere aperto il cuore a questi fratelli e sorelle in umanità, così duramente provati e alla ricerca di una vita migliore e più sicura. Per questo motivo è richiesta la disponibilità e la collaborazione di chi ospita e di chi è ospitato”. “Siamo consapevoli che l’attuale situazione è complessa e che ci sono responsabilità di portata planetaria. Ma siamo anche convinti che atteggiamenti ispirati dalla paura e dal pensare solo a se stessi non favoriscono la soluzione del problema. Anzi, l’aggravano perché costruiscono ‘muri’ anziché ‘ponti’”, osservano i presuli liguri. Come Regione “di confine” chiedono “con fermezza che l’Europa si coinvolga con fatti concreti, tempestivi e adeguati a questo dramma umanitario e non lasci solo il nostro Paese. Se l’Europa vuole essere ‘casa comune’ deve dimostrarlo, come pure la cosiddetta ‘comunità internazionale’. Finora, ha mostrato un cuore duro e indifferente verso questo esodo forzato e disumano”. I vescovi auspicano che “l’accoglienza sia sempre accompagnata da rispetto, sicurezza e legalità, valori universali. Da tempo le nostre diocesi sono impegnate nell’offrire spazi residenziali e nel prestare assistenza, affiancandosi ad altri organi e gruppi di volontariato”. A tutti esprimono “apprezzamento, gratitudine e, in non pochi casi, ammirazione per la dedizione generosa” e rinnovano “la disponibilità a collaborare con le Istituzioni”, “per il bene di tutti”. “Siamo certi che il Signore Gesù, che ha vissuto personalmente l’esperienza del bimbo profugo e si è riconosciuto nello straniero bisognoso di accoglienza, non ci farà mancare il suo aiuto”, concludono i vescovi. Fonte: Agensir

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,916FansLike
17,749FollowersFollow
9,748FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Mamma Viviana è morta a 44 anni, sui social diceva: «La...

La comunità di Borbiago (Venezia) piange Viviana Giacomelli, 44 anni, giovane mamma coraggiosa, sconfitta da un male contro il quale ha lottato strenuamente. Pochi...