Home Trending Now Vangelo. Lettura e Commento alla Parola di Mercoledì, 11 Novembre 2020

Vangelo. Lettura e Commento alla Parola di Mercoledì, 11 Novembre 2020

Vangelo del giorno – Mercoledì, 11 Novembre 2020

Lettura e commento al Vangelo di oggi, 11 Novembre 2020 – Lc 17,11-19: “Non si è trovato nessuno che tornasse indietro a rendere gloria a Dio, all’infuori di questo straniero.”

+ Dal Vangelo secondo Luca

Lungo il cammino verso Gerusalemme, Gesù attraversava la Samarìa e la Galilea.
Entrando in un villaggio, gli vennero incontro dieci lebbrosi, che si fermarono a distanza e dissero ad alta voce: «Gesù, maestro, abbi pietà di noi!». Appena li vide, Gesù disse loro: «Andate a presentarvi ai sacerdoti». E mentre essi andavano, furono purificati.
Uno di loro, vedendosi guarito, tornò indietro lodando Dio a gran voce, e si prostrò davanti a Gesù, ai suoi piedi, per ringraziarlo. Era un Samaritano.
Ma Gesù osservò: «Non ne sono stati purificati dieci? E gli altri nove dove sono? Non si è trovato nessuno che tornasse indietro a rendere gloria a Dio, all’infuori di questo straniero?». E gli disse: «Àlzati e va’; la tua fede ti ha salvato!».

Parola del Signore

LEGGI: Oggi la Chiesa ricorda San Martino (VITA E PREGHIERA)

Vangelo di oggi, 11 Novembre 2020
Vangelo di oggi, 11 Novembre 2020

Commento a cura di Paolo Curtaz

Nessun miracolo immediato. Solo una gran delusione. I dieci lebbrosi, di cui uno straniero ma, nella malattia, spariscono le differenze, sono un po’ delusi da questo profeta che chiede loro di andare al tempio.

E mentre camminano sono guariti perché sempre la guarigione avviene mentre siamo per strada. Le differenze, allora, si fanno sentire: il samaritano non ha alcun tempio in cui andare a ringraziare e nessun sacerdote che certifichi l’avvenuta guarigione. Torna dal tempio, torna dal sacerdote, il Cristo. Il quale è amareggiato per la conclusione della vicenda: uno solo è tornato indietro a ringraziare? E gli altri? È più facile guarire dalla lebbra che dall’ingratitudine!

E Gesù commenta: dieci sono stati sanati ma uno solo è stato salvato. Perché non è vero che ci basta la salute, a noi serve molto di più, ci serve la salvezza.

Curiamo il nostro corpo, certo, la nostra alimentazione e le nostre abitudini.

Ma curiamo anche la nostra anima perché non appassisca, perché non si spenga. E ringraziamo il Signore per tutte le guarigioni che abbiamo ricevuto e che riceviamo!

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,928FansLike
19,967FollowersFollow
9,825FollowersFollow
2,330SubscribersSubscribe

News recenti

Vangelo di oggi, 3 Dicembre 2020

Vangelo. Lettura e Commento alla Parola di Giovedì 3 Dicembre 2020:...

Vangelo del giorno: Giovedì, 3 Dicembre 2020 Lettura e commento al Vangelo di oggi - Mt 7,21.24-27: "Chi fa la volontà del Padre mio, entrerà...