Vangelo (22 settembre): C’erano con lui i Dodici e alcune donne che li servivano con i loro beni

#Vangelo (18 settembre): C’erano con lui i Dodici e alcune donne che li servivano con i loro beni.Lc 8,1-3
C’erano con lui i Dodici e alcune donne che li servivano con i loro beni.

In quel tempo, Gesù se ne andava per città e villaggi, predicando e annunciando la buona notizia del regno di Dio. C’erano con lui i Dodici e alcune donne che erano state guarite da spiriti cattivi e da infermità: Maria, chiamata Maddalena, dalla quale erano usciti sette demòni; Giovanna, moglie di Cuza, amministratore di Erode; Susanna e molte altre, che li servivano con i loro beni.

Mai il Signore ha lasciato un solo suo messaggero, un suo profeta, un ministro della sua Parola privo di un tozzo di pane. Elia, profeta del Dio Altissimo, prima è stato nutrito dai corvi, poi da una vedova di Sarepta di Sidone e infine anche da un angelo.

A lui fu rivolta questa parola del Signore: «Vattene di qui, dirigiti verso oriente; nasconditi presso il torrente Cherìt, che è a oriente del Giordano. Berrai dal torrente e i corvi per mio comando ti porteranno da mangiare». Egli partì e fece secondo la parola del Signore; andò a stabilirsi accanto al torrente Cherìt, che è a oriente del Giordano. I corvi gli portavano pane e carne al mattino, e pane e carne alla sera; egli beveva dal torrente.

Dopo alcuni giorni il torrente si seccò, perché non era piovuto sulla terra. Fu rivolta a lui la parola del Signore: «Àlzati, va’ a Sarepta di Sidone; ecco, io là ho dato ordine a una vedova di sostenerti». Egli si alzò e andò a Sarepta. Arrivato alla porta della città, ecco una vedova che raccoglieva legna.

#Vangelo (18 settembre): C’erano con lui i Dodici e alcune donne che li servivano con i loro beni.




La chiamò e le disse: «Prendimi un po’ d’acqua in un vaso, perché io possa bere». Mentre quella andava a prenderla, le gridò: «Per favore, prendimi anche un pezzo di pane». Quella rispose: «Per la vita del Signore, tuo Dio, non ho nulla di cotto, ma solo un pugno di farina nella giara e un po’ d’olio nell’orcio; ora raccolgo due pezzi di legna, dopo andrò a prepararla per me e per mio figlio: la mangeremo e poi moriremo». Elia le disse: «Non temere; va’ a fare come hai detto. Prima però prepara una piccola focaccia per me e portamela; quindi ne preparerai per te e per tuo figlio, poiché così dice il Signore, Dio d’Israele: “La farina della giara non si esaurirà e l’orcio dell’olio non diminuirà fino al giorno in cui il Signore manderà la pioggia sulla faccia della terra”». Quella andò e fece come aveva detto Elia; poi mangiarono lei, lui e la casa di lei per diversi giorni. La farina della giara non venne meno e l’orcio dell’olio non diminuì, secondo la parola che il Signore aveva pronunciato per mezzo di Elia (1Re 17,2-16).

Acab riferì a Gezabele tutto quello che Elia aveva fatto e che aveva ucciso di spada tutti i profeti. Gezabele inviò un messaggero a Elia per dirgli: «Gli dèi mi facciano questo e anche di peggio, se domani a quest’ora non avrò reso la tua vita come la vita di uno di loro». Elia, impaurito, si alzò e se ne andò per salvarsi. Giunse a Bersabea di Giuda. Lasciò là il suo servo. Egli s’inoltrò nel deserto una giornata di cammino e andò a sedersi sotto una ginestra. Desideroso di morire, disse: «Ora basta, Signore! Prendi la mia vita, perché io non sono migliore dei miei padri». Si coricò e si addormentò sotto la ginestra. Ma ecco che un angelo lo toccò e gli disse: «Àlzati, mangia!». Egli guardò e vide vicino alla sua testa una focaccia, cotta su pietre roventi, e un orcio d’acqua. Mangiò e bevve, quindi di nuovo si coricò. Tornò per la seconda volta l’angelo del Signore, lo toccò e gli disse: «Àlzati, mangia, perché è troppo lungo per te il cammino». Si alzò, mangiò e bevve. Con la forza di quel cibo camminò per quaranta giorni e quaranta notti fino al monte di Dio, l’Oreb (1Re 19,1-8). 

#Vangelo (18 settembre): C’erano con lui i Dodici e alcune donne che li servivano con i loro beni.




Gesù deve andare per la Palestina, passando da villaggio a villaggio, per predicare la Parola del Padre. È a suo servizio a tempo pieno. Non gli manda i corvi per portargli del pane. Gli crea un piccolo esercito di serve fedeli, di donne da Lui beneficate, perché lo assistano mettendo a sua disposizione i loro beni. Cristo serve il Padre, il Padre serve Cristo. Gesù vive per il Padre, il Padre vive per Gesù. Gesù dona il Pane della Parola alle creature del Padre, il Padre dona il pane al Figlio suo unigenito.

Quando il Signore prende una persona al suo servizio, se essa è fedele al mandato ricevuto, Dio stipula con essa un vero contratto di amore. Tu mi servi ed io ti servo. Tu doni il pane della vita e io ti dono il pane per il tuo corpo e ogni altra cosa ti è necessaria perché tu possa svolgere il ministero che ti ho affidato. Tu ti consacri a me, io mi consacro a te. Il missionario di Gesù deve possedere questa certezza di fede. Il Padre mai lo abbandonerà. Anche le aquile del Cielo e non solo i corvi Lui manderà per dare al suo missionario quanto gli serve per la vita del suo corpo. 

Vergine Maria, Madre della Redenzione, Angeli, Santi, fateci versi ministri di Gesù.




Commento del Movimento Apostolico

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome