Home Trending Now Vangelo 20 Febbraio 2020. Tu sei il Cristo… Il Figlio dell’uomo deve...

Vangelo 20 Febbraio 2020. Tu sei il Cristo… Il Figlio dell’uomo deve molto soffrire.

Tu sei il Cristo… Il Figlio dell’uomo deve molto soffrire.

Il Vangelo
Il Vangelo

Lettura e commento al Vangelo di Giovedì 20 Febbraio 2020 – Mc 8,27-33: Tu sei il Cristo… Il Figlio dell’uomo deve molto soffrire.

+ Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù partì con i suoi discepoli verso i villaggi intorno a Cesarèa di Filippo, e per la strada interrogava i suoi discepoli dicendo: «La gente, chi dice che io sia?». Ed essi gli risposero: «Giovanni il Battista; altri dicono Elìa e altri uno dei profeti».
Ed egli domandava loro: «Ma voi, chi dite che io sia?». Pietro gli rispose: «Tu sei il Cristo». E ordinò loro severamente di non parlare di lui ad alcuno.
E cominciò a insegnare loro che il Figlio dell’uomo doveva soffrire molto ed essere rifiutato dagli anziani, dai capi dei sacerdoti e dagli scribi, venire ucciso e, dopo tre giorni, risorgere.
Faceva questo discorso apertamente. Pietro lo prese in disparte e si mise a rimproverarlo. Ma egli, voltatosi e guardando i suoi discepoli, rimproverò Pietro e disse: «Va’ dietro a me, Satana! Perché tu non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini».

Parola del Signore

LEGGI: Oggi la Chiesa ricorda una veggente di Fatima. Ecco chi è

Commento a cura di Paolo Curtaz

Chi è per me il Signore? Non per gli altri, non a partire da quello che dice la gente, non a partire dall’opinionista di turno o dal genio che pensa di avere scoperto il “vero” Gesù.

 

Chi sei per me, Gesù? Non a partire dalla cose che ci hanno insegnato, senza risposte da catechismo, senza risposte giuste o sbagliate. Vuole verità, da noi, il Signore, vuole anche sentirsi mandare a quel paese, se necessario, ma che sia autentico il nostro agire, autentica la nostra fede, anche se sofferta.

Ritagliamoci un istante di verità, nella nostra giornata, rimettiamo il Cristo al centro della nostra ricerca, delle nostre attese. Non c’è nulla di peggio, nella fede, del lasciare che la fede si depositi, che le sicurezze ammuffiscano, che lo slancio iniziale dell’incontro si lasci avvolgere dalla polvere e dalle ragnatele della quotidianità.

È sempre per strada, il Maestro, sempre avanti, sempre altrove, e ci invita ad uscire dalle nostre (piccole) certezze di cattolici benpensanti, a non imitare Pietro che insegna a Dio come si fa a fare Dio. Se davvero abbiamo messo i nostri piedi nelle orme del Maestro, non spaventiamoci se ci ritroviamo vicini al Golgota, a sperimentare l’assoluto del dono di sé.

Fonte: lachiesa.it

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus rende difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,882FansLike
17,253FollowersFollow
9,626FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Giovedì Santo 9 Aprile 2020. Preghiera a Gesù agonizzante nel Getsemani

Giovedì Santo 9 Aprile 2020 - Con Gesù nell'ultima cena. Preghiamo! LE PROMESSE DI GESÙ “Dal mio Cuore sempre partono voci di amore che invadono le...