Home News Terra Sancta et Oriens Una Suora comboniana da Israele: 'Dobbiamo ricordarci che siamo tutti rifugiati in...

Una Suora comboniana da Israele: ‘Dobbiamo ricordarci che siamo tutti rifugiati in questo mondo’

Pubblicità

“Siamo tutti rifugiati in questo mondo”. È la convinzione di suor Azezet Kidane, dal 2010 attiva fra le vittime di traffico umano al fianco di altre Ong israeliane: un impegno che oggi si scontra con un clima di rifiuto di una parte della società e dell’attuale governo. “Qui in Israele manca la coesistenza, accettare l’altra persona, che è diversa di colore, di cultura, di lingua. L’altro non è considerato come qualcuno che ti può aiutare a crescere, ma un problema, una sfida. L’altro è considerato un nemico”.

Pubblicità

A gennaio, le autorità avevano lanciato un ultimatum ai circa 45mila profughi eritrei e sudanesi nel Paese: dovevano lasciare Israele entro aprile o affrontare il carcere a tempo indeterminato. Al presente, la situazione è in stallo: l’accordo con le Nazioni Unite per ricollocarne metà è caduto, mentre il provvedimento di “deportazione volontaria” è stato sospeso dalla Corte suprema. Si è ancora in attesa del verdetto finale e con esso del futuro dei profughi, arrivati fra il 2005 e il 2012 attraverso le pericolose vie del Sinai.

Tal Steiner, del dipartimento legale di Hotline for Refugees and Migrants, commenta: “Siamo in una sorta di limbo. Da un lato i richiedenti non ricevono risposta alla loro richiesta di asilo”. Un responso può richiedere anni, e in genere è negativo: solo una decina di loro ha avuto il riconoscimento dello status di rifugiato. “D’altra parte, sono bloccati qui. Non possono essere deportati in un Paese terzo – né di loro volontà, né con la forza – e l’accordo con l’Onu è nullo. Le persone vivono in un limbo, e aspettano di sapere quale sarà il loro futuro qui in Israele”.

Pubblicità

“La situazione è molto difficile: il visto che hanno non assicura loro niente di più se non essere arrestati. Possono a malapena lavorare, non hanno alcun tipo di previdenza sociale, non è riconosciuta neanche la più basilare assicurazione medica. Non hanno il diritto a sviluppare se stessi qui, farsi un’istruzione, una famiglia, portare le loro famiglie qui. E neanche avere una patente di guida. Sono in una condizione in cui i loro diritti sono solo a carico loro e delle Ong”.

Per suor Azezet, “tutto ciò è penoso e frustrante: la persona si sente minacciata, non voluta, vista male”. In particolare, continua la suora comboniana, il dolore dei migranti cristiani è acuito dal pensiero che sia il “Paese di Gesù, del Vangelo e della Bibbia” a respingerli. “Avevano tanta speranza e fiducia che venendo qui sarebbero stati consolati, avendo sofferto molto nel Sinai, ma ora si sentono non voluti”.






La depressione e gli stati d’ansia si aggravano a causa delle difficoltà a trovare un impiego. Anche quando lo trovano – umile e dal basso salario – sono costretti a versare il 20% del loro stipendio in un fondo che dovrebbe essere restituito loro nel momento in cui lasceranno Israele. Steiner commenta: “Sono persone che non hanno una valida opzione per lasciare Israele; non possono tornare in Eritrea o Sudan e nessuno li accetterebbe”. Così, la tassa si traduce in un impoverimento che spinge “molte famiglie al di sotto della linea di povertà”. “Non è un caso che essi abbiano condizioni di vita così difficili in Israele” conclude “ma il piano del governo israeliano per cacciare via le persone. E questo è ciò contro cui combattiamo e lavoriamo”.

Per suor Azezet, “è importante capire che l’altro non è una ‘sfida’. Dio ha creato tutti a Sua immagine e tutti noi abbiamo un frammento di Dio e ci completiamo. Ci sono tanti che hanno una visione diversa [dal governo], come i dottori di Physicians for Human Rights, con cui lavoriamo per dare loro delle cure. Ci sono tante persone, ma questi ‘tanti’ si devono moltiplicare, perché è una goccia nel bisogno”.

Fonte www.asianews.it

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,917FansLike
17,749FollowersFollow
9,746FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

venerazione.croce.medjugorje

Medjugorje, preghiera di Venerazione della Santa Croce, sabato 11 luglio 2020,...

In collegamento con Medjugorje, preghiera di Venerazione della Santa Croce, sabato 11 luglio 2020, dalle ore 21.00 Questa sera, sabato 11 luglio 2020 dalle ore...