Una guardia svizzera si sposa. Indovinate chi si è presentato a sorpresa per celebrare le nozze?

Sabato il sacerdote ha trovato nella sacrestia di Santo Stefano degli Abissini, in Vaticano, il Pontefice, che lo ha sostituito. A sposarsi i giovani Luca Schafer e la brasiliana Leticia Vera.

È proprio il caso di parlare di “grande sorpresa”. Sabato scorso infatti il Papa ha benedetto un matrimonio. Solo che la sua presenza è stata del tutto inattesa sia per gli sposti, sia per il sacerdote che si apprestava a iniziare la celebrazione. Come riferisce Vatican News, il prete brasiliano padre Renato dos Santos, arrivato in sagrestia per vestirsi ha trovato il Pontefice che lo aspettava seduto e sorridente.

Una foto da Instagram

«Mai nella mia vita avrei pensato di trovare il Papa», ha detto il sacerdote. «La sorpresa è stata tale – ha proseguito – che le persone si domandavano l’un l’altra se quello che vedevano davanti a loro fosse davvero papa Francesco. L’ho visto come un vero parroco che cura le proprie pecorelle della comunità».

A fare da sfondo al singolare evento è stata la chiesa di Santo Stefano degli Abissini, all’interno delle mura vaticane, dietro la Basilica di San Pietro. Gli sposi sono la guardia svizzera Luca Schafer e la giovane brasiliana Leticia Vera.

Nell’intervista a Vatican News padre dos Santos ha riportato anche alcuni passaggi dell’omelia tenuta dal Papa. “Incominciare”, “fermarsi”, “riprendere il cammino” sono state le parole indicate dal Pontefice per mettere in luce lo stile che deve caratterizzare il matrimonio. «Papa Francesco – ha sottolineato ancora padre dos Santos – ha a cuore il valore del matrimonio. In lui c’è amore per questo».

Sorpresa, sono il papa: Francesco torna parroco per un giorno e celebra un matrimonio




Francesco non è nuovo a gesti simili. Si ricorderà la benedizione di venti coppie di sposi in San Pietro il 14 settembre 2014 e le nozze in volo tra una hostess e uno steward cileno nel gennaio scorso durante il viaggio nel Paese sudamericano.

Fonte avvenire.it

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome