Sri Lanka: sale a 359 il numero delle vittime. Signore perdona questo orrore!

Sri Lanka: sale a 359 il numero delle vittime degli attentati di Pasqua 21 Aprile 2019. Signore perdona questo orrore!

Sri Lanka
epa07518793 Security EPA/M.A. PUSHPA KUMARA

Il bilancio delle vittime degli attacchi di Pasqua in Sri Lanka sale a 359 morti.
A renderlo noto è la polizia, aggiungendo che altri 18 sospetti sono stati arrestati nella notte, facendo salire così a 58 le persone detenute perché collegate con gli attentati.

Come riporta il sito Ansa.it, delle vittime, gli stranieri erano almeno 30. Secondo le autorità cingalesi: una piccola minoranza, ma provenienti da ben 11 Paesi. Nella confusione dei dati, ma in base ai dati forniti dai governi dei Paesi di provenienza, 8 dei morti venivano dall’India, altri 8 dal Regno Unito, 4 dagli Stati Uniti, 3 dalla Danimarca, cioè i tre figli dell’imprenditore dell’abbigliamento Anders Holch Povlsen.

Sri Lanka
(Derena TV via AP)

Due persone, di cui non sono state fornite le generalità, sono svizzere, una delle quali con passaporto anche di un altro Paesi, oltre a una terza persona che faceva parte della famiglia delle altre due vittime elvetiche con due diverse nazionalità, non precisate. Due persone, un uomo e una donna, provenivano dalla Spagna, 2 dall’Australia, 2 dalla Cina. Gli altri morti provengono da Olanda, Giappone e Portogallo.

L’Isis ha rivendicato gli attacchi nello Sri Lanka. Senza tuttavia fornire alcuna prova del suo coinvolgimento diretto. Lo riferisce il Site. La rivendicazione è giunta attraverso Amaq, l’agenzia di propaganda del gruppo terroristico.

Copertina (ANSA/AP Photo/Eranga Jayawardena)

Redazione Papaboys

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome