Home News Terra Sancta et Oriens Siria, Younan: ribelli vogliono prendere Aleppo per estendere Is

Siria, Younan: ribelli vogliono prendere Aleppo per estendere Is

Siria, Younan: ribelli vogliono prendere Aleppo per estendere IsC’è choc in Siria e non solo per la devastazione in corso ad Aleppo, un tempo polmone economico del Paese. Secondo quanto afferma l’Osservatorio siriano per diritti umani è salito a 24 vittime, tra cui numerosi minori e donne, il bilancio provvisorio dei bombardamenti aerei del regime contro i quartieri orientali della città, nelle mani dei miliziani di varie fazioni. Quelli occidentali, invece, sono ancora sotto il controllo delle autorità siriane. Damasco nega di aver colpito obiettivi civili. Secondo fonti locali, nella scuola Jamil Qabbani, del quartiere di Ansari, colpita dai raid, sarebbero morte almeno 14 persone, tra cui cinque bambini. Nelle altre zone invece ad essere presi di mira sono i luoghi di culto cristiani. Della situazione ad Aleppo parla il patriarca della Chiesa siro-cattolica Ignace Youssif III Younan, al microfono di Giada Aquilino:

R. – La notizia della scuola è davvero triste perché è molto triste che bambini siano uccisi. Sono stati i bombardamenti. Da giorni anche i quartieri di Aleppo ovest sono sotto bombardamento. I ribelli rivoluzionari, i quali non sappiamo da che parte stiano, hanno anche dei grandi missili che hanno distrutto molti edifici e sono caduti su civili innocenti.

D. – Questi bombardamenti da che parte arrivano? Cioè: chi bombarda?

R. – La verità è che ci sono dei ribelli islamici che stanno bombardando soprattutto quartieri cristiani, civili. Ho parlato con il vescovo ad Aleppo, che mi ha detto: “Noi non possiamo più rimanere qui, nella nostra casa vicino alla cattedrale”. Già tre cattedrali, la maronita, l’armena e la melkita, sono state bombardate.

D. – Prima della guerra, i cristiani ad Aleppo erano 150 mila: oggi quanti sono e come vivono?

R. – Non ne è rimasta nemmeno la metà. Vivono sempre assediati dai ribelli. Non hanno che una sola via verso Homs, al sud, e per arrivarci devono fare lunghi giri. E anche questa strada è stata attaccata. Non possono usare nemmeno l’aeroporto. Allora il problema è che questa grande città è assediata dai ribelli che vogliono prenderla per farne una parte del cosiddetto Stato Islamico.

D. – C’è il pericolo che anche Aleppo cada nelle mani dei jihadisti?

R. – Sicuramente. C’è sempre il pericolo! Però, come abbiamo sentito da molti ufficiali, non lasceranno che i ribelli islamici prendano la città. E per questo ci sono le battaglie in corso. In questa situazione, i cristiani stanno cercando di resistere e di rimanere attaccati alle loro città. Però, purtroppo, sono abbandonati: si sentono abbandonati.

D. – Allora qual è l’appello per Aleppo?

R. – L’appello per Aleppo e per tutta la Siria è: basta mandare armi ai ribelli! Molti milioni di siriani sono già fuori, scappati dal Paese e il popolo, in maggioranza, vuole la pace, vuole la riconciliazione. Basta con questa tragedia.

Siria, Younan: ribelli vogliono prendere Aleppo per estendere Is

A cura di Redazione Papaboys fonte: Radio Vaticana

Sostieni Papaboys 3.0

Anche se l’emergenza Coronavirus rende difficile il lavoro per tutti, abbiamo attivato a nostre spese la modalità di smart working (lavoro da remoto) per stare vicino ad ognuno di voi, senza avere limitazioni di pubblicazione, con informazione e speranza, come ogni giorno, da 10 anni. CI PUOI DARE UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

I nostri social

9,879FansLike
17,189FollowersFollow
9,617FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Star Usa in quarantena dalle pulizie alla meditazione. C'è chi medita e offre discorsi motivazionali, chi si confronta via web con gli amici, chi fa musica per rilassarsi, chi cucina, pulisce, legge favole o regala danze scatenate. Sono tanti i divi internazionali che stanno offrendo uno sguardo via social (al di là appelli per il rispetto delle misure precauzionali, sostegno al personale sanitario e alle persone in difficoltà, mini concerti) su come stiano vivendo in casa il lockdown per l'emergenza coronavirus: da Julianne Moore a Will Smith, da Madonna a Matthew McConaughey. Tra chi si sta dando particolarmente da fare c'è Miley Cyrus che per questi giorni di auto quarantena tiene su Instagram un talk show, Bright Minded «per restare 'accesì (nel senso di positivi, ndr) in questi giorni oscuri» nel quale insieme a vari ospiti/amici come Elton John, Selena Gomez (che proprio con lei ha parlato del suo disturbo bipolare) e il compagno, anche lui cantante, Cody Simpson. Anche Will Smith ha pensato a una nuova serie casalinga, Will from home, realizzata per Snapchat e ambientata nel suo garage/sala relax. Madonna tiene un videodiario denso di riflessioni, arricchito anche dalla vivace partecipazione dei figli adottivi in casa con lei. Punta sullo humour Glenn Close, dalle battaglie a backgammon con la sorella a uno dei nuovi hobby di creare e dipingere buffi piccoli mostri. Si rilassa invece con una delle sue passioni e talenti, Anthony Hopkins che suona il piano con il suo gatto Niblo come spettatore.

Coronavirus negli Stati Uniti, le ore più difficili: “Sarà come l’11...

Coronavirus negli Stati Uniti, si allarga l'incubo del Covid-19 in tutto il Paese. Una situazione sintetizzata dal capo del servizio sanitario pubblico degli Jerome...