Home News Terra Sancta et Oriens Siria. Padre Pizzaballa: situazione tragica, gente cerca di farsi forza

Siria. Padre Pizzaballa: situazione tragica, gente cerca di farsi forza

Siria. Padre Pizzaballa: situazione tragica, gente cerca di farsi forzaSempre più drammatica la situazione in Siria, soprattutto nel Nord-Est. Amnesty International parla di crimini contro l’umanità per la regione di Aleppo, giornalmente colpita da bombardamenti, raid, stragi e torture. L’Onu porta avanti febbrilmente tentativi di dialogo tra le parti in conflitto, ma rimane l’incognita del ruolo del sedicente Stato Islamico. Sul momento drammatico che i cristiani siriani e le altre comunità stanno vivendo, Giancarlo La Vella ha intervistato il Custode di Terra Santa, padre Pierbattista Pizzaballa, appena rientrato da una visita in Siria:

R. – Tragico, drammatico! Colpisce tutti, cristiani e musulmani, ma – bisogna riconoscerlo, ahimè – in modo particolare i cristiani e le altre minoranze e questo spesso soprattutto ad Aleppo: una città ormai massacrata, con una periferia totalmente distrutta, totalmente priva di elettricità e di acqua, anche con scarsità di viveri e con bombardamenti continui, soprattutto sui quartieri cristiani, anche se non solo su di loro…

D. – Come la gente cerca di portare avanti una vita che, sicuramente, non si può dire normale?
R. – In questa circostanza parlare di vita “vivibile” è certamente difficile… Naturalmente poi la vita deve sempre prevalere. Molti hanno cercato di andarsene, soprattutto dalla città di Aleppo verso Latakia e Tartus o fuori della Siria… Chi è restato – e sono soprattutto i poveri! – cerca di aiutarsi, l’uno l’altro, come può. Ad esempio, diverse sono le famiglie che, rimaste senza casa perché distrutta dai bombardamenti, sono state accolte da altre famiglie povere che vivevano in situazioni – anch’esse – molto precarie, ma che sono state capaci di essere solidali. Poi nelle chiese – quelle che ancora funzionano, perché molte sono distrutte, come quella ortodossa, quella armena, quella maronita, quella siriaca – tutti si ritrovano insieme. Cercano di starsi vicino, gli uni gli altri: quando non si può fare molto, si cerca di sostenersi moralmente a vicenda. E questa è una testimonianza che ho potuto constatare personalmente.

D. – Il pericolo viene dalla guerra civile in sé o anche delle scorribande del cosiddetto Stato Islamico?
R. – C’è un po’ di tutto… Naturalmente la paura principale, soprattutto per la zona di Aleppo, al Nord quindi, è l’espansione dello Stato Islamico, ma anche di al-Nusra, che sarebbe poi affiliato ad al Qaeda, e che pare si siano alleati… La domanda che tutti si facevano non era tanto sui bombardamenti, ai quali ahimè – e non voglio sembrare cinico – si erano un po’ abituati, ma su che cosa potrebbe succedere se arrivasse lo Stato Islamico. Si chiedono: “Che ne sarà di noi?”.

D. – Prevale lo sconforto e il dolore o lei ha notato che c’è ancora un filo di speranza?
R. – Lo sconforto è tanto e c’è anche tanta paura. Ma vedo che soprattutto i giovani sono molto determinati – quelli che sono rimasti – ad aiutarsi, a sostenersi, a fare qualcosa… Insomma a non lasciarsi prendere dalla sconforto, anche se – ripeto – la situazione è veramente drammatica e la paura è ancora tanta.

A cura di Redazione Papaboys fonte: Radio Vaticana

Sostieni Papaboys 3.0

Con una piccola donazione di sostegno per il sito, puoi far sì che i nostri contenuti siano sempre più numerosi e migliori nella qualità; vogliamo regalarti ogni giorno parole che annuncino l’Amore e la Speranza di Gesù. Inoltre, sostenendoci economicamente, potremmo creare delle nuove opportunità, sia di collaborazione, sia di lavoro, in un momento storico così difficile. Grazie per quello che potrai fare!

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità

I nostri social

9,913FansLike
17,749FollowersFollow
9,753FollowersFollow
1,600SubscribersSubscribe

News recenti

Denisa Alexandra Stefanoaia

Ragazza di 15 anni muore dopo un intervento per mettere l’apparecchio...

++ Muore dopo un intervento per mettere l'apparecchio ++ Il medico che l'ha operata aveva però parlato alla famiglia di un'operazione semplice... IL CASO - Denisa...