Siria: il 22 gennaio la Conferenza di pace ‘Ginevra 2’

img_15966Il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki Moon, ha annunciato ieri che la conferenza di pace sulla Siria “Ginevra 2” si terrà il 22 gennaio. La nuova data dell’atteso vertice è stata fissata dopo numerosi rinvii causati dai veti incrociati delle forze che si combattono sul terreno. Per il punto della situazione il servizio di Marco Guerra della Radio Vaticana (anche in audio):RealAudioMP3 
“Non c’è dubbio che la formazione di un’autorità governativa di transizione sarà uno degli elementi più importanti su cui si dovrà trovare un accordo durante la conferenza ‘Ginevra 2’”. Le parole dell’inviato di Onu e Lega Araba per la crisi siriana, Lakhdar Brahimi, fissano un obiettivo per tutti gli attori della difficile partita siriana che prederanno parte al nuovo round di negoziati nella città svizzera. Lo stesso Brahimi ha confermato che per il momento non esiste una lista di invitati, ma fonti diplomatiche all’Onu hanno fatto sapere che Iran e Arabia Saudita siederanno al tavolo della trattativa, come richiesto dalla Russia che vuole allargare la cerchia dei partecipanti. Tuttavia le premesse del vertice restano complicatissime: Le opposizioni in esilio – sempre più sfiduciate dalla base di attivisti e dalle milizie di ribelli integralisti – continuano a chiedere che Assad non faccia parte del processo di transizione; mentre il governo di Damasco non si è mai detto disposto a consegnare i suoi poteri.

Intanto – dopo un fine settimana di sangue con oltre 160 vittime – anche ieri i combattimenti sono infuriati ad Homs, Damasco e Aleppo. In quest’ultima città undici persone sono rimaste uccise da colpi di mortaio. Siria sempre più insicura anche per gli operatori dei media internazionali: con il rapimento di due giornalisti svedesi sale a 16 il numero di reporter tutt’ora in ostaggio.

Fonte: Radio Vaticana

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome