Sedotti dal Signore

La missione di ogni chiamato così come la storia di Geremia ci insegna, unisce sofferenza e amore  per la causa che Dio intende perseguire.“Mi hai sedotto Signore e io mi sono lasciato sedurre; mi hai fatto violenza e hai prevalso” (Ger 20,7). In queste splendide parole è contenuta tutta la verità sulla vocazione: Geremia è stato scelto, quasi costretto dal Signore a fare qualcosa che lui mai aveva pensato o voluto. La vocazione non è la realizzazione del nostro sogno di gloria ma è il sogno che Dio ha per noi. La felicità quindi non deriva dal fatto che noi ci realizziamo e raggiungiamo uno scopo ( fosse l’ordinazione presbiterale o una posizione agiata) ma dal fatto che siamo strumenti di Dio per il mondo. Il profeta perde anche un po’ di stima e reputazione se davvero segue la volontà di Dio: “ Così la parola di Dio è diventata per me causa di vergogna e di scherno tutto il giorno”. Il criterio di giudizio per il profeta è Dio non se stesso. La vocazione porta con se una certa inquietudine, un andare controcorrente: non si può essere mandati da Dio mentre ancora si è sotto il dominio dell’apparenza, del potere e delle chiacchiere.

Il consacrato appartiene a Dio, la sua vera eredità è Lui, la sua ricompensa è Lui, non ha bisogno quindi di andare elemosinando amore nelle pozzanghere del mondo. La vocazione è questione di amore e quindi chiamata a soffrire per amore come lo sposo per la sposa, come Cristo per la Chiesa. Geremia giunge persino a maledire il giorno in cui nacque però sempre dentro di se porta la verità dell’incontro con Dio dal quale ormai nulla lo potrò separare, ormai la sua vita è felicemente compromessa. “Ma nel mio cuore c’era un fuoco ardente, trattenuto nelle mie ossa; mi sforzavo di contenerlo, ma non potevo!”. La vocazione è come un fuoco che Dio mette dentro l’uomo, il quale ne prende consapevolezza perché non può più bastare a se stesso; non ne può più di sentire parlare di Dio, ma lo vuole conoscere, vedere e amare di persona. Chi abbraccia Dio, abbraccia ogni uomo soprattutto il più ferito. La vocazione è un amore più grande che ci conquista per poi tradursi in un amore concreto, umano, vicino, personale per ogni persona che Lui ci fa incontrare. di Roberto Oliva

 

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome