Pubblicità
HomeTestimoniumSant'Ugo: oggi, 8 ottobre, è la Sua festa. Recita la supplica per...

Sant’Ugo: oggi, 8 ottobre, è la Sua festa. Recita la supplica per avere una grazia dal nobile crociato che curava i malati

Sant’Ugo: il crociato che curava i malati

Sant’Ugo Canefri è stato un religioso italiano dell’ordine di Malta: fu un nobile crociato che dedicò quasi tutta la sua vita alla cura degli infermi.

La vita

Ugo nasce intorno al 1148 a Gamondio (l’attuale Castellazzo Bormida) dalla famiglia alessandrina dei conti Canefri; partecipò alla terza crociata assieme a Corrado del Monferrato ed a Guala Bicchieri console di Vercelli.

L’orrore della guerra lo colpì profondamente e decise di entrare nell’Ordine dei Cavalieri Ospitalieri di San Giovanni in Gerusalemme, i quali mutarono poi il nome in Cavalieri di Malta.

Venne destinato all’Ospedale della Commenda di San Giovanni di Pré a Genova in qualità di cappellano ovvero magister hospitalis o precettore, laddove si dedicò alla cura degli infermi e dei pellegrini. Abbandonò così l’armatura per vestire l’abito del religioso.

Piccolo di statura, magro, con un cilicio sulla carne, era noto e caro ai genovesi anche per il suo spirito di mortificazione e per la sua grande modestia, contrastante con lo spirito di superbia dei secolo, che non risparmiava neppure quei cavalieri, quasi sempre di origine aristocratica come lui, di cui egli era zelante cappellano.

Sant'Ugo: il crociato che curava i malati
Sant’Ugo: il crociato che curava i malati

Uomo di profonda fede, amava ritirarsi in preghiera all’interno di una grotta lungo la collina sovrastante l’ospizio, nei pressi di un torrente che sgorgava tra Oregina e San Barnaba.

La tradizione gli attribuisce diversi miracoli: avrebbe fatto scaturire una sorgente da una roccia per permettere di lavare gli indumenti degli ammalati poveri, tramutato l’acqua in vino, salvato una nave in pericolo di naufragio e guarito uno storpio dopo che questi per cinque notti aveva vegliato sopra la sua tomba.

La morte e il culto

Pochi anni dopo la sua morte, avvenuta l’8 ottobre 1233 a Genova, venne sepolto nella chiesa di San Giovanni di Prè, che tuttora sorge accanto alla loggia dei Commendatori Gerosolimitani. Il suo culto è particolarmente sentito ad Alessandria, Genova e presso l’Ordine di Malta.

(Fonte santiebeati.it/it.wikipedia.org/lavocealessandrina.it)

LEGGI ANCHE: Il video in cui Don Roberto Malgesini benedice gli ammalati in ospedale: è bello sentire la sua voce. Ora è in Cielo!

Preghiere a Sant’Ugo

Signore, tu che hai voluto Sant’Ugo fra i santi della Chiesa e l’hai fatto ardere del fuoco della carità e della fede che vince il mondo, rendici anche noi, per sua intercessione, perseveranti e saldi nella fede e nell’amore così da partecipare anche noi un domani alla Gloria Celeste. Amen.

Oppure:

Glorioso Sant’Ugo oggi ti eleggo
a mio speciale patrono:
sostieni in me la Speranza,
confermami nella Fede,
rendimi forte nella Virtù.

Aiutami nella lotta spirituale,
ottienimi da Dio tutte le Grazie
che mi sono più necessarie
ed i meriti per conseguire con te
la Gloria Eterna…

Il luogo dove Maria incontra i malati

Per iscriverti gratuitamente al canale YouTube della redazionehttps://bit.ly/2XxvSRx ricordati di mettere il tuo ‘like’ al video, condividerlo con gli amici ed attivare le notifiche per essere aggiornato in tempo reale sulle prossime pubblicazioni.
Non dimenticare di iscriverti al canale (è gratuito) ed attivare le notifiche

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
10,108FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

padova ho visto Dio e il paradiso

Si è ripresa dopo un attacco di cuore (in ospedale a...

Una testimonianza molto potente che arriva da una signora di Padova, Maria Ester di 40 anni. Quello che gli è capitato è davvero straordinario. Ecco...