HomeBLOGMauro LeonardiRozzano e le polemiche sul presepe. Ma Natale siamo noi

Rozzano e le polemiche sul presepe. Ma Natale siamo noi

Rozzano e le polemiche sul presepe. Ma Natale siamo noiNatale è sempre Natale: si dice alla fine della commedia o alla fine della pubblicità.

La cronaca è sempre la cronaca: scrive notizie e scrive smentite. Rozzano, la sua scuola, il suo preside e il Natale stanno iniziando la fase B, quella delle smentite. Hai cancellato il Natale, non ho cancellato il Natale, allora sai che c’è?, a Natale facciamo i canti arabi e voi però se siete coerenti le ferie a Natale non ve le prendete.

A Rho, Casazza, Romano d’Ezzelino e Busto Arsizio, la questione è ancora lì. Tra canti, recite, presepi, bambinelli. Sì o no?

Io trovo tutto ciò molto evangelico. Segno di contraddizione, pazzia, scandalo, insomma nulla di nuovo. Quando arriva Gesù, arriva tutto questo. Lo dicono i vangeli, lo dice la storia.
Natale 2015 è Betlemme anno 0: stessa storia. Una famiglia povera, un bambino al freddo, due genitori senza casa in terra straniera. Nessun potente. Solo i più poveri intorno.
Questa scena non ci ricorda qualcosa? Qualcosa di visto al tg o nei nostri condomini in questi giorni? Possibile non riuscire a vedere che Natale è proprio la storia di tutti noi?

Forse a Lampedusa o nei centri di accoglienza o in molte famiglie italiane il problema del presepe non se lo sono posto. Non perché non abbiano le statuine o perché sono relativisti ma perché sono loro il presepe. Dove c’è un povero, un bambino, è Natale. Non è imposizione ideologica, è storia.

Io non so chi abbia ragione e torto: quali politici e quotidiani invece di cercare di fare chiarezza cercano solo di fare numeri. Io so che anche se togli il presepe e zittisci la recita, il Natale dalle nostre scuole non lo togli. I bimbi che tornano a casa con il lavoretto in bilico tra le mani e la poesia arrotolata a pergamena, e mamma e papà con le ferie e i nonni che arrivano con i cuginetti, sono Natale. Perché Natale siamo noi, non nel senso della storia dei libri ma di quella reale.

Siamo noi, sono loro, siamo tutti. Riconosciamolo, riconosciamoci.

È Natale. Questa è la notizia. Non ci sarà smentita anche se non ci sarà il presepe.

Di Don Mauro Leonardi

Articolo tratto da L’Huffingtonpost


SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Iscriviti alla newsletter gratuita