Pubblicità
HomeNewsCaritas et VeritasPreghiera per ringraziare sempre Dio di tutto quello che abbiamo già, senza...

Preghiera per ringraziare sempre Dio di tutto quello che abbiamo già, senza chiedere nulla

La preghiera di chi non chiede nullaConfidando nel fatto che la vita è fatta di rinunce, di passi gravi, di sorrisi misteriosi…

A volte cerchiamo la persona che ci dia soluzioni, quella che sembra avere la bacchetta magica per cambiare la nostra vita. Abbiamo necessità concrete. Cerchiamo soluzioni concrete.

Nella vita di fede in genere è così. L’omelia che mi colpisce di più. Il gruppo nel quale mi trovo meglio e imparo di più. La comunità ideale che calma il mio bisogno di essere comunitario, di avere una casa, di gettare radici. La persona che realizza tutti i miei desideri.

Cerchiamo miracoli concreti. Vogliamo soluzioni immediate. A volte ci aggrappiamo a Gesù quando dà una risposta alle nostre necessità più immediate. Lo cerchiamo perché abbiamo mangiato, perché siamo stati guariti.

Tante volte la nostra spiritualità si è ridotta a cercare Dio nelle necessità concrete. Lo preghiamo, lo supplichiamo.

Vogliamo miracoli. La nostra preghiera è piena di preoccupazioni e di aneliti. La nostra preghiera è esclusivamente di richiesta.

La preghiera di chi non chiede nulla




Mi piacerebbe pregare con la speranza con cui prega questa persona:

[box]

Spero di tessere con calma l’alba che ti sostenga. Un tronco, una pietra, un spazio tra le dita e la sabbia che sfugge. La vita, l’amore, la pace. Il cielo pieno di stelle. Confidando nel fatto che la vita è fatta di rinunce, di passi gravi, di sorrisi misteriosi, di abbracci taciuti, di riposi dell’anima.

Forse ho paura di non servire, di essere di troppo. Mi spaventa il fatto di non essere indispensabile e che il mondo segua il suo corso senza lamentare la mia perdita. Mi fa paura non essere visto, essere invisibile, passare inosservato, dover toccare il mantello sapendo che non mi hanno visto. Mi spaventa l’anonimato della vita. La disintegrazione di tanti sogni.

Voglio inventare fontane e torri che lascino vedere, da lontano, l’orizzonte del mare quando cade in cascata. Voglio dare più luce del sole, con la mia vita che è caduca. Vano tentativo delle mie mani, che prendono appena il volo.

Sono finestre chiare, piene di stelle e di sogni. Con cristalli che non tocco quando attraverso i cieli. So che non posso trovarmi se non mi cerco con volontà. So che la vita sfugge quando non seguo i tuoi passi”.

loading…



[/box]

Con paure concrete, e con aneliti. Con sogni impossibili. Non vogliamo fermarci alla richiesta, ma andare più lontano. A volte siamo cristiani che chiedono soltanto, senza dare nulla. Siamo consumisti religiosi. Non cerchiamo Dio per rendergli grazie, per lodarlo, per dargli gloria. Non lo cerchiamo per riconoscere la sua grandezza, per mostrare la nostra piccolezza. Non lo cerchiamo per metterci al suo servizio e offrirci perché faccia di noi ciò che vuole.

“Date loro voi stessi da mangiare”. È questo ciò che ci chiede. E noi lo cerchiamo con il cuore inquieto e scroccone. Abbiamo più fame e più sete. La vita ci preoccupa. Vogliamo che risolva tutti i nostri problemi. Com’è in genere la mia preghiera?





A cura di Redazione Papaboys

Informazioni sulla Donazione

Vorrei fare una donazione del valore di :

€100€50€10Altri

Vorrei che questa donazione fosse ripetuta ogni mese

Informazioni sulla donazione

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome

Pubblicità
Pubblicità

I nostri social

305,867FansLike
20,918FollowersFollow
10,094FollowersFollow
8,600SubscribersSubscribe

News recenti

La benedizione con la reliquia di Santa Rita

Ricevi la benedizione ‘potente’ di Santa Rita con la sua reliquia:...

La bellissima benedizione "di" Santa Rita da Cascia Per iscriverti gratuitamente al canale YouTube della redazione: https://bit.ly/2XxvSRx ricordati di mettere il tuo ‘like’ al video, condividerlo con gli...