Preghiera della notte 17 febbraio 2019. Aiutami Signore a non perdere mai la speranza!

Preghiera della notte 17 febbraio 2019. Aiutami Signore a non perdere mai la speranza!

Non scoraggiarti mai

Quando la salita ti sembra dura: non fermarti.
Quando la nottata pare oscura: non voltarti in dietro.
Quando il cuore piange: sorridi, impegnati.
Quando credi che tutto sia fallito: non mollare.
Quando ti senti affaticato, debole: respira, riposati.
Quando hai perso tutte le speranze: abbi fede.
Quando ti senti agitato: prega e spera.
Quando pensi che tutte le sofferenze cadono su di te,
c’ e’ sempre un ragione per ricominciare un’altra volta.
Gesu’ ti guiderà ad andare avanti, a viaggiare.

jesus-christ-the-lord-god-made-them-all-painting-by-karen-foster

Non scoraggiarti mai:
Dio ha tanti progetti per tirarti fuori.
E’ facile buttarsi a terra quando le cose vanno male,
ma Dio lavora nelle nostre vite nonostante il dolore e il dispiacere.
Ricordati la prossima volta che se la tua vita e piena di prove,
può essere un disegno tutto scelto su misura per te,
che la grazia di Dio ti giunge in soccorso.

(Roberto  Bari)

La preghiera dell’infermo

Signore, comincia un nuovo giorno,
ed io mi trovo infermo
tra queste quattro mura.

Quando stavo bene
non sapevo apprezzare
la gioia di alzarmi balzando
con un salto dal letto
e di aprire le imposte
per far entrare la luce come un torrente
nella mia stanza.

Non apprezzavo la felicità
di offrirti in ginocchio
il mio corpo desto, i miei occhi,
le mie braccia, i miei piedi,
tutti i miei muscoli,
e prepararmi ad una nuova giornata di lavoro.

E’ stata necessaria questa malattia,
o Signore,
per rendermi conto che la salute è un dono
della tua bontà,
e che io non sapevo ringraziarti.

Per riparare l’indifferenza di allora
ti offro il mio corpo immobilizzato,
la mia fronte bagnata dal sudore della febbre,
le mie mani inoperose,
le mie ore di insonnia,
questo lungo giorno che mi aspetta.

Sin da ora unisco la mia sofferenza alla tua
Per questa intenzione…
Ti offro le gioie che mi procurano
Le visite che spero di ricevere.

Ti offro tutte le attenzioni premurose
che avranno verso di me,
e delle quali tanti malati si vedono privati.

Concedimi in ogni parte di questa giornata
La forza di accettare sorridendo la
Prova della sofferenza
Senza ribellarmi.

Fa, o Signore Gesù, che io sia un malato
disponibile ad accettare le cure,
che dia buon esempio
per la mia pazienza e per la mia gentilezza,
nei momenti nei quali
necessito del servizio degli altri.

Che io possa dimostrare sinceramente
la mia riconoscenza.

In questo modo riuscirò a dare
buona testimonianza,
come tuo discepolo,
anche durante la malattia.

Jesus-Christ-With-Children

Preghiera per chiedere il dono della speranza

O Padre, come il sole illumina la terra e le dà calore e vita,
così il tuo amore ravviva in noi la tua presenza,
nella quale noi viviamo, ci muoviamo ed esistiamo.

Come nel passato sei stato fra noi
nel momento della difficoltà,
ora continua a beneficarci con
il tuo santo aiuto.

Ora ti prego, Signore,
guarda con bontà quello che si sta compiendo
per il mio bene.

Guida con sapienza i medici
E tutti coloro che si prendono cura di me.

Infondi, con la tua grazia,
la tua forza guaritrice,
perché ritornino in me la salute e la forza.

Ed io innalzerò un rendimento di grazie
Per la tua misericordia senza limiti.
Amen.

Gesù, allontana da me questa sofferenza

Allontana da me questa sofferenza, Signore.
Sono le parole che Ti rivelo dalla mia croce.
Il dolore che provo è lancinante, però io so che Tu mi salverai,
che io risorgerò con Te.
A braccia aperte io mi getto verso Te,
sapendo che il porto in cui approdo
è un luogo sicuro.
Prendi anche questa volta, o Signore,
la mia sofferenza e trasformala
nella gioia di una nuova resurrezione.

Preghiera a Maria nei momenti dolorosi

Se i miei progetti, pazientemente costruiti,
crollano sconvolti
dalle difficoltà e dalle prove,
e i miei desideri, anche i più buoni e onesti,
si rivelano vani,
Maria, aiutami, vieni in mio soccorso.

Se il dolore entra nella mia casa,
confonde e scuote il mio cuore,
e mi sembra di essere improvvisamente
abbandonata/o e inerme,
impotente e senza risorse,
Maria, aiutami, vieni in mio soccorso.

Se la malattia e la morte
s’annunciano
là dove mi possono sembrare un assurdo,
dove salute e vita reclamano i loro diritti,
e i disegni di Dio mi appaiono incomprensibili,
Maria, aiutami, vieni in mio soccorso.

Guariscimi Signore

Signore Gesù,
credo che sei vivo e risorto.
Credo che sei presente realmente
nel Santissimo Sacramento dell’altare
e in ciascuno di noi che crediamo in te.
Ti lodo e ti adoro.

Ti rendo grazie, Signore, per essere venuto da me,
come pane vivo disceso dal cielo.
Tu sei la pienezza della vita,
Tu sei la risurrezione e la vita,
Tu, Signore, sei la salute dei malati.
Tu sei l’eterno presente e mi conosci.
Ora, Signore, ti chiedo d’aver compassione di me.
Visitami per il tuo Vangelo,
affinché tutti riconoscano
che tu sei vivo, nella Chiesa, oggi;
e che si rinnovi la mia fede e la mia fiducia in te;
te ne supplico, Gesù.

Abbi compassione delle sofferenze del mio corpo,
del mio cuore
e della mia anima.
Abbi compassione di me, Signore,
benedicimi e fa’ che possa riacquistare la salute.
Che cresca la mia fede
e che mi apra alle meraviglie del tuo amore,
perché sia anche testimone
della tua potenza e della tua compassione.
Te lo chiedo, Gesù,
per il potere delle tue sante piaghe,
per la tua santa croce
e per il tuo preziosissimo sangue.

Guariscimi, Signore.
Guariscimi nel corpo,
guariscimi nel cuore,
guariscimi nell’anima.
Dammi la vita,
la vita in abbondanza.
Te lo chiedo per l’intercessione
di Maria Santissima, tua Madre,
la Vergine dei dolori,
che era presente, in piedi, presso la tua croce;
che fu la prima a contemplare le tue sante piaghe,
e che ci hai dato per Madre.
Tu ci hai rivelato di aver preso su di te i nostri dolori
e per le tue sante piaghe siamo stati guariti.
Oggi, Signore, ti presento con fede tutti i miei mali
e ti chiedo di guarirmi completamente.
Ti chiedo, per la gloria del Padre del cielo,
di guarire anche i malati della mia famiglia e i miei amici.

Fa’ che crescano nella fede, nella speranza
e che riacquistino la salute
per la gloria del tuo nome.
Perché il tuo regno continui
ad estendersi sempre più nei cuori
attraverso i segni e i prodigi del tuo amore.
Tutto questo, Gesù,
te lo chiedo perché sei il Salvatore.

Tu sei il Buon Pastore
e noi tutti siamo le pecorelle del tuo gregge.
Sono così sicuro del tuo amore,
che prima ancora di conoscere il risultato della mia preghiera,
ti dico con fede:
grazie per tutto quello che farai per me
e per ciascuno di loro.
Grazie per i malati che stai guarendo ora,
grazie per quelli che stai visitando
con la tua misericordia.

(Emiliano Tardif)

Sostieni Papaboys 3.0

Se sei arrivato o arrivata a leggere fino qui è evidente che apprezzi il nostro Sito. Ed anche ciò che scriviamo. Lo facciamo da 10 anni con il cuore, senza interessi economici o politici, solo perché il cuore ci chiama a farlo. CI DAI UNA MANO?

Informazioni Personali

Dettagli Fatturazione

Termini

Totale Donazione: €20.00

SCRIVI UNA RISPOSTA

Scrivi il commento
Inserisci il tuo nome